Basket, Mauro Procaccini vince il derby con Valeria Battisodo e guida Schio alla conquista della Coppa Italia

di 

26 febbraio 2017

Foto Legabasket Femminile
Foto Legabasket Femminile della Famila Wuber Schio

PESARO – Non solo la Vuelle. Il basket pesarese è in festa anche grazia a Mauro Procaccini che ha guidato la Famila Wuber Schio alla conquista della Coppa Italia. La squadra veneta s’aggiudica il primo ambito trofeo, trionfando nelle finali a 4 organizzate a Venezia. E per farlo prima supera la squadra di casa, l’Umana, nettamente battuta in semifinale (77-65), poi ha la meglio sulla capolista della serie A1, la Gesam Gas Lucca che in semifinale aveva travolto (81-49) la Passalacqua Ragusa.

Una finale che, in ogni caso, avrebbe sorriso a un pesarese o a una pesarese, perché se Mauro è seduto sulla panchina di Schio, in campo – con la maglia di Lucca – c’è Valeria Battisodo, una lunga carriera nella massima serie, anche allenata da Mauro, a Parma, e soprattutto la scorsa stagione a Schio.

Una partita equilibratissima, che anzi ha visto Lucca iniziare bene, chiudendo avanti di 5 (20-15) il primo quarto. Un solo punto di differenza al riposo, ma sempre a vantaggio delle toscane: 31-30. Margine ribaltato dopo 30 minuti: 52-53. Poi il break decisivo per la Famila, trascinata dalle triple (7/10!!!) di Jolene Anderson, migliore realizzatrice (33 punti) e ovvia Mvp. Famila strepitosa anche dalla lunetta: 17/18 contro l’11/14 di Lucca. Meritato l’80-66 finale per le ragazze che Mauro Procaccini allena da pochi giorni, già molto apprezzato dalle ragazze, dalla società, dai tifosi.

Dopo la bella esperienza sulla panchina della nazionale nigeriana e l’eccellente lavoro iniziato ma non portato a termine in Cina, Mauro meritava questa gioia. Con l’augurio sia la prima di tanti altri successi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>