Thornton dominante, Jones fa sempre la cosa giusta: le pagelle della Vuelle

di 

26 febbraio 2017

ThorntonPESARO – Le pagelle della Consultinvest vittoriosa contro Sassari:

HAZELL
Deve ancora entrare in ritmo partita, ma ha l’intelligenza di non forzare mai e rimane comunque sul parquet 30 minuti, sbattendosi in fase difensiva, segna la tripla del vantaggio e lo aspettiamo a bottini più significativi fin dalla prossima partita, 6

GAZZOTTI
Si mangia un paio di canestri facili facili e in difesa fa quello che può su Savanovic, una tripla a segno non gli consente comunque di raggiungere la sufficienza, 5,5

THORNTON
Finalmente ha capito come deve giocare in Italia, quando possiedi quel tipo di talento offensivo, 28 punti, 28 di valutazione, 8 su 16 dal campo, 10 su 12 dalla lunetta, segnando tutti i canestri decisivi, lo diciamo dallo scorso settembre che avrebbe i mezzi per essere dominante dalle nostre parti, stasera finalmente ce lo ha fatto vedere, 8,5

JASAITIS
Non ingannino i soli 4 punti realizzati, perché il lituano ha catturato nove rimbalzi, ha difeso finché il fiato glielo ha permesso ed è stato sempre sul pezzo. Quando i compagni impareranno a servirlo nel suo angolo, la Vuelle potrebbe elevare il suo gioco offensivo, positivo 6,5

CERON
Gli manca quella sicurezza che gli consentirebbe, dopo aver battuto l’avversario in palleggio, di finire l’azione, invece di scaricare sempre il pallone fuori dalla linea dei tre punti, segna la sua tripla, difende con ordine, ma ci aspettiamo di più, 5,5

JONES
17 punti, 9 rimbalzi, la stoppata decisiva su Savanovic, numeri che ancora una volta confermano le sue buonissime qualità, in una serata dove è rimasto sul parquet per 39 minuti e ha fatto sempre la cosa giusta, 7,5

NNOKO
Si mangia i consueti canestri facili, compresa una schiacciata in contropiede, a rimbalzo si difende (sette) e alla fine qualche semi gancio finisce in fondo alla retina, sta migliorando, ma deve dare un contributo maggiore, 6

HARROW
Esce per cinque falli e la squadra gioca meglio. Può essere una casualità, ma Ryan, al di là di qualche sporadica iniziativa, non ha mai dato la sensazione di avere in mano le redini del gioco, Se ci fosse in giro un playmaker vero, si potrebbe farci un pensierino, 5,5

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>