Fano vola a Valencia per far rete con i Carnevali più importanti d’Europa

di 

3 marzo 2017

FANO – Un anno fa era giusto un sogno di una notte di mezza estate di due giovani fanesi, ma nel frattempo ha cominciato a prendere corpo avvicinando due città come Fano e Valencia almeno all’apparenza assai diverse. Non per Massimiliano Barbadoro e Matteo Lucarelli, l’uno innamoratosi della terza città della Spagna e l’altro andatoci addirittura a vivere seguendo le orme di altri suoi concittadini. Vi hanno trovato in realtà più di un’affinità: le comuni origini romane, il culto del Carnevale che nella Comunità Valenciana si esprime nelle spettacolari Falles o Fallas e la rispettiva passione per dei tradizionali piatti marinari quali sono il nostro brodetto e la loro paella de marisco. Perché non provare allora a creare un ponte tra Fano e Valencia?

fallas-valenciaPresto fatto grazie all’intercessione di Michele Sperandio, un trevigiano titolare di guidavalencia.com la guida italiana di Valencia più completa ed aggiornata presente sul web. La sua sponda è risultata decisiva per poter incontrare l’assessore valenciano e presidente esecutivo della Giunta Fallera Pere Fuset Tortosa, rivelatosi estremamente disponibile, mentre a Fano la questione è stata presa a cuore dal sindaco Massimo Seri e dall’assessore alle Politiche Comunitarie Caterina Del Bianco col supporto dell’Ufficio Europa e dell’Ente Carnevalesca. Anche quest’ultima farà parte della spedizione spagnola, rappresentata dalla presidente Maria Flora Giammarioli e dal consigliere Daniele Carboni.

Il primo passo verso questa storica collaborazione è stato l’ingresso del Comune di Fano in Carnival Project, un progetto finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Europa Creativa che si propone di valorizzare il patrimonio immateriale del Carnevale e delle più importanti feste popolari europee. Ne fanno parte tra le altre la portoghese Tomar, la tedesca Mainz, la croata Rijeka, la bulgara Simitli e le italiane Viareggio e Putignano con la collaborazione di Università ed Enti spagnoli, portoghesi, sloveni, inglesi ed italiani. Dal 9 al 12 marzo una delegazione fanese volerà a Valencia per partecipare al grande meeting di questo circuito, inserito nel contesto dell’edizione 2017 delle Falles o Fallas riconosciute a fine 2016 patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Questo appuntamento costituirà un’importante vetrina per presentare agli altri partner il Carnevale di Fano, oltre che l’occasione per discutere di possibili iniziative di scambio culturale da intavolare con l’amministrazione locale. In agenda anche l’incontro con Andrea Grinta, Achille e Lino Clemente, Nicola Ruggeri e lo stesso Lucarelli, fanesi di nascita e valenciani d’adozione capaci di avviare a Valencia interessanti ed apprezzati business. A Gandia si è invece stabilito partendo sempre da Fano Mauro Tallevi, tramite per un contatto con la Giunta di questa città di 85 mila abitanti che si trova ad una settantina di km dal capoluogo della Comunità Valenciana e con la quale si vorrebbe approfondire un rapporto attivato nel 1990 ai tempi del mandato da sindaco di Francesco Baldarelli.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>