Formula 1: Mercedes e Ferrari dominano i primi test di Montmelò

di 

3 marzo 2017

Raikkonen nei test di Barcellona

Raikkonen nei test di Barcellona

BARCELLONA (Spagna) – Si sono conclusi giovedì pomeriggio i test della “nuova” F.1 2017. Il responso delle quattro intense giornate sul circuito di Montmelò alle porte di Barcellona, hanno sancito un “pareggio” tra Mercedes e Ferrari, con la regina delle ultime tre stagioni, che ha svettato nella prima e nella terza giornata, mentre la nuova SF70H, ha fatto registrare i migliori crono martedì e oggi con un Kimi Raikkonen determinato nonostante una fastidiosa influenza.

Analizzando le prestazioni delle due macchine si nota ancora una certa e prevedibile supremazia della Mercedes, se il sostituto del Campione uscente e uscito Rosberg, Valtteri Bottas ha cercato anche la prestazione, il sornione Hamilton ha badato più allo sviluppo inanellando una quantità industriale di giri, concentrando le regolazioni della sua W08, sull’affidabilità nella lunga distanza, con la certezza che si è tenuto qualche decimo di riserva. Passiamo alla Ferrari, un debutto più che positivo quello della nuova SF70H, queste quattro giornate hanno dimostrato seppur con tutte le riserve del caso, che il lavoro svolto durante l’inverno dall’equipe dell’Ingegner Mattia Binotto è indirizzato su una buona strada. Anche le Rosse hanno coperto tanti giri, dimostrando una aerodinamica soddisfacente soprattutto in relazione all’ utilizzo degli pneumatici, che ricordiamo sono più larghi e con mescole aggiornate. Vettel ha “copiato” Hamilton, pur stabilendo tempi interessanti, il quattro volte campione si è concentrato sullo sviluppo e affidabilità.

Unico neo una panne, nella giornata di mercoledì, quando nel primo pomeriggio dopo 128 giri la SF70H del tedesco si è fermata ammutolita davanti ai box, le voci dei presenti parlano di uno stop gestito per controllare i consumi. Disquisizioni a parte come detto sopra, ci ha pensato uno sfavillante Raikkonen a fornire delle indicazioni positive con i migliori tempi di martedì e di oggi. Particolarmente interessante la prestazione odierna del finlandese, ottenuta sulla pista bagnata artificialmente per testare le gomme da bagnato, sia intermedie che full wet.

Valtteri Bottas (FIN) su Mercedes

Valtteri Bottas (FIN) su Mercedes

Comunque alle con le soft la Ferrari sì è dimostrata competitiva, cosa importante visto l’annoso problema della Rossa nel mandare in temperatura le gomme. Come succede nel calcio nel campionato “estivo”, anche per la Formula Uno, i test pre stagionali valgono relativamente, però quest’anno con la rivoluzione regolamentare che ha portato a costruire vetture completamente nuove, le indicazioni di Montmelò hanno un certo rilievo. Dando uno sguardo agli altri Team, dietro alle protagoniste Mercedes e Ferrari, troviamo seppur con qualche “incertezza la Red Bull, sempre in scia alle due prime due, con un ottimo Verstappen secondo oggi sul bagnato dietro Raikkonen.

Disastro Williams, che il primo giorno si era ben comportata con il “rientrante” Massa, per poi perdersi i giorni successivi, anche con il “ricco” debuttante Lance Stroll, il giovane canadese, protagonista anche di una uscita di pista, è parso ancora acerbo per la massima formula. Benino la nuova Renault, come la Force India, deludente la Toro Rosso, positivo il responso per la Hass, motorizzata Ferrari, da dimenticare questa prima uscita della McLaren-Honda, che sembra ritornata indietro. A Montmelò ha debuttato anche Antonio Giovinazzi, la terza guida Ferrari ha sostituito sulla Sauber l’infortunato Wehrlein. Per il giovane di Martina Franca, che riporta seppur in “panchina” il tricolore in F.1, una buona prestazione oggi sul bagnato, il pugliese ha chiuso quinto, dimostrando le sue doti, sopperendo alla cronica scarsa competitività della Sauber. Ora ci si sposta di pochi chilometri in Catalunia, dove dal 7 al 10 marzo è prevista la seconda tornata di test, che precedono il debutto del campionato 2017 il 26 in Australia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>