Volley A2, prova di forza e di classe della myCicero che espugna il PalaBorsani e blinda il secondo posto

di 

5 marzo 2017

La gioia delle colibrì per la vittoria sul taraflex del PalaBorsani (dalla pagina Facebook della Sab Grima)

La gioia delle colibrì per la vittoria sul taraflex del PalaBorsani (dalla pagina Facebook della Sab Grima)

SAB GRIMA LEGNANO – MYCICERO VOLLEY PESARO 0-3
SAB GRIMA: Figini ne, Paris (L: ricezioni 24, errori 3, positiva 79%, perfetta 33%), Furlan 6 (5/10; 1 muro), Muzi, Mingardi 18 (16/36; 1 ace; 1 muro), Coneo 8 (7/20; 1 muro), Grigolo 12 (11/21; 1 muro), Facchinetti 5 (4/11; 1 muro), Kosareva, Bossi, De Lellis 1 (0/4; 1 ace), Mazzotti ne. All. Pistola; vice Tettamanti
MYCICERO: Mastrodicasa 10 (5/14; 4 ace; 1 muro), Degradi 13 (9/27; 2 ace; 2 muri), Olivotto 6 (4/11; 2 muri), Ghilardi (L: ricezioni 13, positiva 77%, perfetta 23%), Gamba ne, Kiosi 12 (10/28; 2 muri), Di Iulio 3 (3 muri), Bussoli 1 (1 ace), Santini 6 (5/14; 1 muro), Pamio 2 (1/2; 1 ace), Rimoldi ne, Tonello ne. All. Bertini; vice Burini
ARBITRI: Vecchione di Salerno e Morgillo di Napoli
PARZIALI: 24-26; 23-25; 23-25 in 84 minuti
STATISTICHE DI SQUADRA: LEGNANO: Battute 72, errori 11, punti 2. Ricezioni 69, errori 8, positiva 62%, perfetta 26%. Attacchi 102, errori 7, muri subiti 11, punti 43, 42%. Muri fatti 5. Errori avversarie 20. PESARO: Battute 74, errori 5, punti 8. Ricezioni 61, errori 2, positiva 74%, perfetta 30%. Attacchi 96, errori 11, muri subiti 5, punti 34, 35%. Muri fatti 11. Errori avversarie 23
NOTE: spettatori circa 600, con almeno un centinaio di tifosi della myCicero. Oltre a quelli arrivati da Pesaro, grande partecipazione di familiari e amici in particolare di Degradi, Ghilardi e Rimoldi. Camilla Mingardi premiata Mvp; la nostra è l’intera myCicero

PESARO – Umiltà, pazienza, classe ed esperienza, ma anche un po’ di fortuna. Con questi ingredienti la myCicero espugna il PalaBorsani di Castellanza, campo di gioco della Sab Grima, e mette in cassaforte il secondo posto.

Quando l’ultima palla è messa a terra da un “murone” di Degradi, va in archivio quella che, a nostro modesto parere, è la vittoria più bella della stagione regolare, con l’augurio che possano essercene di più belle. Un successo così, al termine di una partita molto equilibrata, in casa della terza in classifica, contro una signora squadra, magari scatena qualche rimpianto per battute d’arresto forse evitabili da una myCicero che ha mostrato classe, esperienza, determinazione e offerto in una prova complessiva che conferma la grande crescita del gruppo.

Acqua passata non macina più, dicevano i saggi. Allora è inutile voltarsi indietro. Meglio guardare avanti. C’è tutta una stagione da giocare. E se il Volley Pesaro la giocherà così, beh, le soddisfazioni non potranno mancare.

Dal punto di vista strettamente tecnico, ancora una volta la battuta – basta osservare il rapporto tra errori e vincenti – è stata un fondamentale prezioso, così come la difesa anche su attaccanti del valore del terzetto di laterali a disposizione di coach Pistola. E ancora una vota è emersa la forza complessiva del gruppo perché a turno ognuna, anche chi ha messo piede in campo per poche azioni, ha offerto una eccellente contributo al collettivo.

Mastrodicasa, una grande presenza (dalla pagina Facebook della Sab Grima)

Mastrodicasa, una grande presenza (dalla pagina Facebook della Sab Grima)

PRIMO SET: Se lo aggiudica (24-26 in 29 minuti), la myCicero, premiata dalle scelte di Matteo Bertini e da una po’ di fortuna. Dopo un avvio equilibrato (8-8), Legnano piazza un poker servendo forte (Mingardi) su Degradi, che paga in attacco le difficoltà in ricezione. Bertini ferma il gioco. La pavese è brava a interrompere il digiuno (individuale e di squadra) ed è 11-9. Ma un gran momento di Grigolo al servizio e un muro di Coneo su Olivotto danno il massimo vantaggio interno: 14-9. Pesaro replica con Degradi (bel servizio) e due pallonetti di Kiosi: 15-14. Il time-out chiesto da Pistola restituisce certezze alla Sab Grima, con una Furlan indiavolata tra fast e muro. Sullo slancio, Legnano è di nuovo a più 4 (19-15); Bertini spende il secondo time-out. Un muro di Grigolo saluta la ripresa del gioco. Sul meno 5, Bertini toglie Kiosi e manda in campo Pamio. Santini, un muro di Mastrodicasa e l’ace di Pamio obbligano Pistola a fermare il gioco, ripagato da Grigolo. Succede che Pistola mandi in campo Muzi, dotata di un buon servizio, ma la battuta è sbagliata. Pesaro coglie l’alzata e in un amen, grazie anche a una giocata di Ghilardi degna di… Buffon, è in parità a 23. Un errore offensivo dà una palla set alla Sab Grima, annullata da un gran muro. Bertini manda Bussoli (esce Degradi) al servizio, Pamio realizza il 24-25 e Bussoli, con un colpo di lato B (servizio che tocca il nastro e va a terra), chiude il set. Attacchi equilibrati: 32% per entrambe. Pesaro meglio in battuta (3-1) e al muro (5-3), mentre Legnano è più brava in ricezione (83% e 46% contro 74% e 35%) e negli errori: 7 a 8. Degradi 6 (5/11), Kiosi 4, Olivotto 3, Pamio 2, Mastrodicasa, Di Iulio, Bussoli e Santini 1. Grigolo 6, Furlan 4, Mingardi 3 (2/7).

Alice Pamio, un attacco vincente da posto 2 (dalla pagina Facebook della Sab Grima)

Alice Pamio, un attacco vincente da posto 2 (dalla pagina Facebook della Sab Grima)

SECONDO SET: la myCicero concede il bis (23-25 in 28 minuti ). Nei miei appunti è scritto: Bertini si riaffida a Kiosi, che ritorna in campo… E che ritorno. 7 punti (6/11 offensivo). Sono quasi tutti dell’opposta ellenica i punti che nel finale respingono il tentativo lombardo di annullare il vantaggio pesarese, in una sorta di film al contrario di quello proiettato nel primo parziale. La myCicero è brava a rispondere al timido tentativo di fuga delle ragazze di Pistola che si portano sul 6-4. Soprattutto a infilare le perle che la portano sull’11-14. Pistola chiede la pausa, ma non si ferma l’onda pesarese: 12-16. Un margine che le colibrì difendono con grande autorevolezza: 15-19. Basta un piccolo calo d’intensità e Legnano, che ha sostituito Coneo con Kosareva, è a mezzo passo (17-19). Kiosi è super per il nuovo più 3 (17-20). Di Iulio si supera vincendo una contesa con Facchinetti (18-21). Ed è ancora Kiosi a travolgere la difesa avversaria per il 20-23, quando Bertini ripropone il cambio Bussoli-Degradi. La giocatrice di Salonicco si ripete sul 21-23, regalando 3 palle set alla myCicero. Legnano ne azzera 2; la seconda con un muro di Mingardi. Non cancella la terza, affidata a Kiosi, che fissa il 23-25, ma anche lo 0-2. Quando l’attacco non fa la differenza… Legnano ha chiuso con il 50% (16/32), Pesaro con il 39% (13/33), ma ha servito 1 ace (a zero) e murato di più (3 a 2). Soprattutto ha sbagliato meno: 5 errori a 8. In particolare ha capitalizzato la grande esperienza, e la classe, di Mastrodicasa (eccellente al servizio) e Santini (3/6 e 1 muro). Mingardi 7 (6/13)

TERZO SET: termina, come i precedenti al fotofinish. Ancora una volta sono 2 i punti che separano le due squadre (23-25 in 27 minuti). Come nei precedente set, si decide sull’ultima palla. La myCicero è abile a recuperare un meno 4 (12-8) spinta ancora una volta dal gran turno al servizio di Mastrodicasa. Uno svantaggio che sembrava il prologo a una possibile tentativo di recupero di Legnano. Ancora più brava quando, dopo una lunga altalena che vede le due contendenti ora inseguire, ora guidare, si porta su 21-23 con Degradi, ma subisce le velenose pipe di Mingardi, poi votata Mvp da una giuria amica. Ovviamente senza niente volere togliere all’indubbio valore di Camilla. Il time-out di Bertini fa calare il vento, la fast di Olivotto dà una palla match che il servizio di Di Iulio confeziona un’opportunità irripetibile per Alice Degradi, la ragazza quasi di casa. La sua presenza a rete impedisce il tentativo lombardo di giocare la palla a fil di rete. Il muro finale scatena la festa degli appassionati al seguito delle colibrì.

Gli altri risultati della 21^ giornata, 8^ di ritorno

Giocate sabato:

San Giovanni in Marignano – Chieri 3-0

Cisterna – Caserta 0-3

giocate oggi:

Mondovì – Soverato 0-3

Settimo Torinese – Filottrano 1-3

Olbia – Trento 3-0

Rinviata a domenica 12 marzo

Palmi – Brescia

La classifica

Filottrano 58

PESARO 51

Legnano 42

Trento 36

Soverato 35

Settimo Torinese 34

San Giovanni in M. 31

Chieri 29

Brescia 28

Palmi 26

Olbia 25

Caserta 18 (*)

Mondovì 14

Cisterna 10

(*) 1 punto di penalizzazione

Finale di Coppa Italia di A2

Domenica 12 marzo si disputerà la finale di Coppa Italia (Osimo, ore 18: Lardini Filottrano – myCicero Pesaro). Pertanto, le partite della nona giornata di ritorno sono in programma domenica 19 marzo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>