Al Museo Morbidelli arrivano 50 Ducatisti doc. Le FOTO

di 

6 marzo 2017

Alessandro Magrini

PESARO – Visita ricca di entusiasmo e di passione quella effettuata ieri al Museo Morbidelli di Pesaro da parte del Ducati Club Desmo Romagna D.O.C.. Un folto gruppo, composto da circa 50 persone,  provenienti da tutta la Romagna e da altre zone del centro-nord, capeggiati da Andrea Lazzarini, figlio del 3 volte campione del mondo Eugenio e titolare della Concessionaria Ducati Nivola Style di Rimini e dalla vicepresidente Michela Amerighi, tutti rigorosamente in sella a magnifiche moto della attuale produzione Ducati.

Una simpatica e variegata comitiva composta da giovani e più attempati, uomini e donne (o meglio ragazzi e ragazze, visto che la moto ha il potere ineguagliabile di fermare il nostro tempo e la nostra anagrafe!) con un unico comune denominatore, ovvero una impareggiabile passione per la Rossa di Borgo Panigale.

Accompagnati dall’inossidabile fondatore Giancarlo Morbidelli, i visitatori hanno potuto ammirare per circa tre ore le 250 fantastiche moto della collezione Morbidelli, con un particolare occhio di riguardo per la Ducati 125 4 cilindri da Gran Premio, esemplare unico al mondo, che risale alla metà degli anni 60 del secolo scorso; un pezzo unico, che nemmeno la Casa Bolognese può vantare nella sua collezione, sapientemente restaurata da Morbidelli e dai suoi collaboratori nelle officine del Museo 12 anni fa, dopo una lunga e faticosa ricerca per reperire telaio e motore originali che si è protratta per circa un decennio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un commento to “Al Museo Morbidelli arrivano 50 Ducatisti doc. Le FOTO”

  1. SmaneTONER scrive:

    Domenica mattina quando sono passati alla Tombaccia tremavano i..vetri che emozione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>