Volley A2, il meglio (ma anche il peggio) della 21^ giornata: esulta la myCicero, applausi ad Angelina e Battistelli, solo fischi a Cio e Fivb che fanno lo scaricabarile su Tifanny

di 

6 marzo 2017

PESARO – Una rubrica atipica, come il calendario che riduce il numero di partite in programma nell’ottava giornata di ritorno. Nella domenica in cui, anche non giocando, Tifanny Pereira de Abreu è ancora una volta la protagonista, è davvero triste constatare che lo sport mondiale è in mano a persone che non sanno quel che dicono e, peggio ancora, quel che fanno. E che le parole di Fabris, presidente della Lega Pallavolo Serie A Femminile, siano passate quasi inosservate. Passi per chi si era gettato sulla storia solo per spiare dal buco della serratura una disciplina sportiva abitualmente dimenticata. Ma chi si occupa quotidianamente anche di pallavolo perché ha ignorato parole che sottintendono un “vuoto normativo” che non fa onore ai vertici dello sport mondiale? Solo pu24.it e La Prealpina, sempre molto attenta allo sport in generale e alla pallavolo in particolare, sono entrati nel merito. Condividiamo la domanda di chi – a.a. – ha firmato l’articolo per il quotidiano lombardo: “A che titolo Tifanny è stata tesserata e può giocare?”.

Per questo, nella nostra rubrica di oggi ci finiscono il Cio (Ioc – International Olympic Committee) e la Fivb (Federazione internazionale di pallavolo) che hanno scaricato sul Coni (Comitato Olimpico Nazionale Italiano) e Fipav (Federazione italiana pallavolo) le decisioni da prendere sul caso. Veri e propri esperti dello scaricabarile, come già evidenziato nelle risposte fornite a pu24.it, che li aveva contattati per chiedere chiarimenti sulle modalità di concessione a Tifanny del permesso di giocare nel campionato femminile italiano. Il Cio ci aveva invitato a rivolgerci alla Fivb, che – con una bella faccia di bronzo – aveva risposto così: “Nel caso di Tifanny Pereira de Abreu, la Fivb ha accettato la riassegnazione del sesso basandosi nel rilascio del nuovo passaporto con cui le autorità brasiliane confermavano che lei è donna”. Salvo poi – come annunciato da Fabris nell’intervista concessa a Rai Sport durante la diretta delle finali di Coppa Italia di A1 – cambiare idea e girare il cerino acceso nelle mani di Coni e Fipav.

Intanto Palmi ha proclamato il silenzio stampa e convocato una conferenza in diretta Skype.

Mi fermo qui. Consapevole che adesso c’è davvero il rischio di fare del male alla persona, attendo con fiducia – spero non immotivata – che siano il Coni e la Fipav a respingere decisamente lo scaricabarile, nuova disciplina olimpica cara ai vertici di Cio (Ioc) e Fivb. Di Tifanny non scriverò più una sola riga se non emergeranno fatti nuovi.

Eccomi, allora, al meglio (ma anche al peggio) della 21^ giornata – ottava di ritorno – della stagione regolare.

Miss Scorer, migliore realizzatrice

Angelina

Giulia Angelina (Entu Olbia): mano caldissima per 24 punti (22/40 offensivo più 2 muri), la schiacciatrice di Grignasco, 20 anni festeggiati il 26 febbraio, è per la terza volta in stagione migliore realizzatrice, appaiando Ramona Aricò. Meglio ha fatto solo Camilla Mingardi (4). Incandescente.

Miss Ace, migliore servizio

Mastrodicasa

Federica Mastrodicasa (myCicero Pesaro): non solo 4 ace per il capitano pesarese, anche altre battute che, passando a fil di nastro, hanno messo in difficolta la ricezione di Legnano. Chirurgica.

Miss Wall, migliore muro

Mazzaro

Alessia Mazzaro (Lardini Filottrano): nel giorno in cui il suo attacco non funziona (5/17), la centrale di Tradate rimedia con 6 muri che cancellano la voglia della Lilliput di fermare la capolista. Alternativa.

Miss Spiker, migliore attaccante

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sara Giuliodori (Battistelli San Giovanni in Marignano) e Giulia Mio Bertolo (VolAlto Caserta): mi dispiace non dare il premio a Naya Crittenden, che ha prodotto un esaltante 15/27 (56%) per la vittoria di Caserta a Cisterna, successo prezioso in chiave salvezza, ma i numeri sono i numeri e le due centrali hanno chiuso con 9/14 (64%). Precise.

Miss Setter, migliore palleggiatrice

Battistoni

Ilaria Battistoni (Battistelli San Giovanni in Marignano): ha guidato la sua squadra a una vittoria di straordinaria importanza, contro Chieri che era fra le più in forma della serie A2. Quattro attaccanti in doppia cifra, segnale di una distribuzione molto felice. Ispirata.

Miss Bagher, migliore ricezione

Ghilardi

Alessia Ghilardi (myCicero Pesaro): nella domenica che esalta la grande ex pesarese Monica De Gennaro (Mvp della Coppa Italia di A1; applausi a chi ha dimenticato, per una sera, punti, schiacciate e muri e votato la bellezza e soprattutto l’efficacia delle giocate in ricezione e in difesa), Alessia si conferma assoluta protagonista della serie A2. Il premio va alle cifre (13 ricezioni, zero errori, 85% positiva e 23% perfetta), soprattutto a come ha ricevuto e difeso. Magistrale.

Miss Flop, le peggiori

Questo slideshow richiede JavaScript.

Cio (Thomas Bach) e Fivb (Ary S. Graça): per loro vale il giudizio espresso in apertura. Non hanno neppure il coraggio di decidere. Facile, eh, scaricare sugli altri dopo avere autorizzato – perché a quanto ci risulta è vero che la Fivb ha autorizzato la Fipav – a tesserare Tifanny. Ingiustificabili.

Miss Volley, la migliore

Volley Pesaro - Serie A2 2016-2017 005

myCicero Volley Pesaro: un premio alla squadra e all’allenatore Matteo Bertini. Nel girone d’andata, la Sab Grima seppe interrompere il volo delle colibrì, infliggendo loro la prima sconfitta della stagione. Poi le due squadre si sono affrontate nella semifinale di Coppa Italia, con 2 vittorie per le pesaresi. Vincere anche domenica, in un bellissimo ambiente, conquistando tutti i set di strettissima misura, è il meritato premio a una squadra che – lo aveva dichiarato alla vigilia – voleva la rivincita. Se l’è presa e ha blindato la seconda posizione. Ovviamente Legnano sogna già di ritrovare le pesaresi nei playoff, ma intanto resta la grande impressione destata dalle ragazze di Bertini… Ah, per chi ancora non lo sapesse, Matteo è di Marotta (provincia di Pesaro Urbino) come Davide Mazzanti, Mister Coppa Italia di A1.

Mister Coach, migliore allenatore

FotoAtleta.asp.html

Riccardo Marchesi (Battistelli San Giovanni in Marignano): una vittoria netta quanto preziosa contro il Fenera che cercava punti per uno scatto importante nella corsa ai playoff, da cui al momento è esclusa, perché il posto l’ha preso proprio la Battistelli… Romagna mia…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>