In ricordo del Maestro: il cordoglio di Ricci, Vimini, Tagliolini, Prefetto Pizzi, Orchestra Sinfonica, assessore Pieroni e Università di Macerata per la scomparsa di Alberto Zedda

di 

7 marzo 2017

PESARO – Cordoglio del sindaco Matteo Ricci per la scomparsa di Alberto Zedda, noto musicista, direttore d’orchestra e musicologo. «Una vita fuori dal comune per la musica e Rossini», nella definizione del sindaco. Con una carriera sbocciata nella vittoria al concorso internazionale Rai per direttori d’orchestra. Contrassegnata, tra l’altro, dalla direzione artistica del Teatro alla Scala di Milano, del Teatro Carlo Felice di Genova e del Rossini Opera Festival. «Perdiamo una personalità straordinaria – osserva Ricci -.  Il suo lavoro per la restituzione filologica delle opere di Rossini è stato immenso. Un patrimonio culturale che apparterrà per sempre alla città». Il sindaco cita anche «l‘impulso continuo per la crescita del Rof, la passione per l’insegnamento e l’Accademia Rossiniana, la disponibilità e l’entusiasmo verso i giovani».

Aggiunge il vicesindaco Daniele Vimini: «Il Maestro ci ha traghettato verso il 150esimo rossiniano e la città della musica gli sarà sempre riconoscente. E’ stato un punto di riferimento assoluto in campo rossiniano, sempre rivolto alla formazione dei giovani con slancio e generosità senza pari. Custodiremo la sua eredità, insieme al Rossini Opera Festival e alle istituzioni musicali cittadine, a cui siamo vicini in questo momento di dolore».

Alberto Zedda

Alberto Zedda

Anche il presidente della Provincia Daniele Tagliolini esprime il cordoglio, a nome di tutto il consiglio provinciale, per la scomparsa del Maestro Alberto Zedda. “Una personalità che ha dato lustro alla città di Pesaro e all’intero territorio provinciale, facendo crescere il Rof ed avvicinandolo alle giovani generazioni grazie alla sua passione, all’entusiasmo e alla capacità di coinvolgere e condividere la sua straordinaria esperienza ed il suo talento. Persone come il Maestro Zedda sono dei fari, fanno luce su un mondo, che per lui è stato quello della musica, affinché tutti possano ammirare e conoscere le sue bellezze”.

Il Prefetto di Pesaro-Urbino Luigi Pizzi ha inviato un telegramma alla famiglia Zedda che riportiamo di seguito: “appresa la notizia della scomparsa del nostro illustre maestro, formulo commosso le più sentite condoglianze per la grave perdita che colpisce il mondo della musica e della cultura nazionale ed internazionale. Direttore d’orchestra famoso in tutto il mondo, apprezzato studioso e interprete di Rossini, celebre protagonista del successo del Rossini Opera Festival. Per questo mi unisco all’intera città di Pesaro che oggi si stringe intorno alla famiglia Zedda per tributare un corale omaggio alla grande figura del Maestro Alberto Zedda”.

Anche l’Orchestra Sinfonica G. Rossini esprime il proprio dolore per la scomparsa del M° Alberto Zedda: “Abbiamo condiviso un tratto del nostro percorso e gli saremo sempre grati per i preziosi insegnamenti ricevuti. Il M° Zedda resterà sempre per noi e per il panorama musicale internazionale un punto di riferimento imprescindibile. Il Direttore Artistico Daniele Agiman e il Presidente Saul Salucci ricordano come proprio le prime selezioni dell’Orchestra Rossini furono fatte dal M° Zedda, così come diversi i concerti dell’OSR da lui diretti segnarono momenti artistici indimenticabili“.

Il messaggio di cordoglio dell’assessore regionale al Turismo-Cultura Moreno Pieroni in memoria del Maestro Alberto Zedda: “Con la scomparsa del Maestro Alberto Zedda le Marche perdono un patrimonio di cultura, di saggezza e di umanità che ha arricchito la scena musicale marchigiana contemporanea, diventata prestigiosa anche grazie a lui. Fondatore e direttore artistico di quella che è poi divenuta un’istituzione di fama internazionale, il Rossini Opera Festival, Zedda è stato lo spirito autentico del rinascimento Rossiniano, interprete  dell’essenza profonda del Cigno di Pesaro. Musicologo e cultore di talenti, fino all’ultimo Zedda ha messo la sua passione instancabile e le magistrali virtù musicali a servizio dei giovani allievi dell’Accademia rossiniana e prima dell’Università di Urbino, scegliendo come patria d’elezione Pesaro. Per questo esempio di vita, dedita con appassionata e smisurata generosità all’Arte e alla Musica, le Marche della Cultura sono grate e vicine alla famiglia, ai suoi cari allievi e alla comunità pesarese”.

Laurea honoris causa ad Alberto Zedda Unimc

Laurea honoris causa ad Alberto Zedda Unimc

Il cordoglio del rettore dell’Università di Macerata Francesco Adornato: “A nome dell’ateneo tutto e mio personale esprimo il più profondo cordoglio per la scomparsa del Maestro Alberto Zedda, personalità carismatica e poliedrica, direttore d’orchestra, filologo e saggista, uno dei principali artefici della Rossini Renaissance. Proprio dieci anni fa, il 21 novembre 2007, abbiamo avuto l’onore di conferire al Maestro la laurea honoris causa in Scienze della comunicazione, che egli stesso considerò un riconoscimento non solo alla persona, ma a tutto il progetto di rilancio dell’opera di Rossini. La proposta di assegnare questa importante onorificenza, proveniente dall’allora Facoltà di Scienze della comunicazione presieduta da Maurizio Ciaschini e sostenuta con convinzione dal rettore Roberto Sani, diede vita a una giornata di grande emozione, seguita con entusiasmo da tanti giovani studenti. Va a lui il nostro pensiero più commosso.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>