Una tavola per il diabete: convegno dell’Associazione Diabetici di Pesaro – Fand – organizzato con l’Istituto Santa Marta

di 

10 marzo 2017

PESARO – Un tavolo di lavoro per capire meglio cosa portare in tavola. Obiettivo centrale e centrato se è vero che i primi interlocutori sono stati i giovani, i manager e gli chef del futuro. <I numeri parlano chiaro, il 6% della popolazione del nostro territorio è affetto dal diabete – ha ammonito il professor Giulio Lucarelli, responsabile del reparto di Endocrinologia e Diabetologia dell’Ospedale San Salvatore di Pesaro – e altrettanti sono gli ammalati senza sapere di esserlo. Fondamentale l’opera di prevenzione promossa dall’Associazione Diabetici di Pesaro>.

Tra gli artefici dell’incontro il dirigente scolastico dell’Istituto Santa Marta, Carlo Nicolini, che ha posto l’accento sul recupero delle tradizioni e dei sapori distillati in chiave critica e non nostalgica <con al centro la ricerca della qualità e l’amore per il cibo>.

La presenza di numerosi studenti nell’aula magna del Santa Marta ha offerto l’opportunità a Paolo Muratori, presidente dell’Assodiabetici di Pesaro, di riaffermare lo spirito di ricerca e innovazione con cui si muove l’associazione <impegnata nell’opera di prevenzione della malattia soprattutto nei giovani>.

RELATORICos’è e come si combatte il diabete è stato spiegato da Antonella Coli, docente di Scienza dell’Alimentazione del Santa Marta, una malattia che in Italia colpisce il 3% della popolazione con conseguenze importanti anche sotto il profilo di costi per la comunità.

Le stime dell’Organizzazione mondiale della sanità per il 2030 parlano di circa 360 milioni di malati, una prospettiva che ha spinto la dottoressa Lorena Mombello, direttore del Distretto n 1 di Pesaro Asur Area Vasta, a ragionare in termini di slow food e slow medicine <ovvero a focalizzare gli interventi non solo sulle tecniche ma soprattutto sulla persona, addestrandola ad un percorso di vita e di cultura del benessere>.

Tema che è stato sottolineato anche dal sindaco di Pesaro Matteo Ricci, impressionato dai numeri citati ma fiducioso <che iniziative come questa possano incontrare interesse e sostegno anche da organi regionali>. Assist perfetto per il consigliere regionale Andrea Biancani che ha ribadito l’importanza di dialogare fra le varie istituzioni. Luca Pieri di Assofarm ha chiarito il ruolo che possono avere le farmacie in ambito preventivo e di sostegno per i malati di diabete la cui incidenza nel sangue e sulle problematiche relative alle diverse patologie sono stati illustrati dal dottor Giuseppe Visani, direttore del reparto di Ematologia e Centro trapianti dell’Ospedale di Pesaro.

Il tema del controllo e della prevenzione sulla qualità del cibo è stato proposto dal capitano della Guardia di Finanza Nicola Piccolo mentre l’importanza dell’attività fisica e dei principi motori sono stati illustrati dal professor Francesco Balducci, docente alla scuola di Scienze Motorie dell’università di Urbino e dal fisiologo Franchini.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>