Apoteosi Italservice: dopo la promozione arriva la Coppa Italia di A2

di 

12 marzo 2017

ITALSERVICE PESAROFANO – MILANO 7-2 (3-0)
PESAROFANO
: Weber, Tonidandel, Stringari, Tres Rudinei, Hector, Vagnini, Bonci, Burato, Egea, Mercolini, Lamedica, Gennari. All. Cafù
MILANO: Tondi, Luciano Mendes, Leandrinho, Alan, Gargantini, Juanpe, Esposito, Brioschi, Migliano Minazzoli, Ghezzi, Fantecele, Murdaca. All. Sau
ARBITRI: Giovanni Zannola di Ostia, Vincenzo Sgueglia di Civitavecchia, Luca Caracozzi di Foggia (crono Luigi Fiorentino di Molfetta)
MARCATORI: 3’24”, 9’39” Hector (P), 11’05” Weber (P) del pt; 7’10” Tres Rudinei (P), 9’40” Esposito (M), 10’19” Tonidandel (P), 14’46” Lamedica (P), 15’33” Gargantini (M), 19’51” Stringari (P) del st
AMMONITI: Luciano Mendes (M), Tonidandel (P)

 

MARTINA FRANCA (Taranto) – Apoteosi Italservice. Dopo la matematica promozione in serie A, la squadra del presidente Lorenzo Pizza si aggiudica la seconda coppa Italia della sua storia, bissando il successo di due anni fa.

Gara senza storia la finale contro Milano di stasera, come testimoniato dal 7-2 finale. Al pala Wojtyla di Martina Franca, Taranto, l’Italservice va sul 2-0 grazie a una doppietta di Hector, alla fine man of the match. Milano barcolla tant’è che incassa anche il terzo colpo, sferrato direttamente dal portiere Weber, lasciato però troppo libero di calciare da fuori area.

La ripresa ha poco da dire. Il 4-0 di Tres su assist di Hector è seguito dal primo gol meneghino targato Esposito. Però poi si iscrive a referto anche capitan Tonidandel, prima che Lamedica realizzi il 6-1. Gargantini segna la seconda rete milanese ma sulla sirena è Stringari a mettere il sigillo su una vittoria bellissima di una stagione storica.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>