In Qatar Valentino Rossi è più forte del dolore: 2° posto. Riflettori sulla carena Ducati

di 

12 marzo 2017

Andrea Dovizioso su Ducati

Andrea Dovizioso su Ducati

In Qatar la nuova e non certo bella carenatura della Ducati con due vistosi “tunnel” inglobati nel cupolino ha rubato la scena ad un Rossi stoico, secondo miglior tempo  alla fine della seconda giornata di test sul circuito dove, il 26 marzo prossimo, prenderà il via la stagione iridata della MotoGp.

Stoico perché Valentino a metà pomeriggio è stato protagonista di una caduta, alla curva 7, che lo ha costretto a ricorrere ai medici per medicare  le escoriazioni riportate al braccio e alla gamba destra oltre alle dita della mano sinistra.

Nonostante l’infortunio, il Dottore è tornato in sella e si è aggiudicato il secondo miglior tempio di giornata, distante solo 277 millesimi da Vinales, primo con il crono di 1’54.455.

Nella giornata dominata dalla Yamaha, con il debuttante Folger terzo in sella alla M1 del team Tech 3, da segnalare l’ ottimo quinto tempo della Aprilia che, con Aleix Espargaro, sigla crono da incorniciare visto che è lontano solo 666 millesimi da Vinales. La moto del gruppo Piaggio cresce  e adesso Ducati non è più sola nella battaglia contro i “gialli” visto che la Ktm ancora arranca nelle retrovie per manifesti “vizi” di gioventu’.

Sesto tempo per Marquez, ottavo per Lorenzo (+0.889), 12esimo Iannone, 13esimo Dovizioso che ha tenuto a battesimo la nuova carena e, alle sue spalle il ternano Petrucci anche lui incorso in una scivolata.

Domenica ultima giornata di test ma il secondo posto di Vale, dopo tante incertezze, certifica che il fuoriclasse tavulliese sta prendendo le misure alla M1 e la sta portando dove vuole lui, ovvero in vetta alla classifica.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>