Pesaro: ecco il piano triennale della cultura. Biancani: “In arrivo 21 milioni più 14″

di 

15 marzo 2017

teatro_rossini_ph_luigi_angelucci_04[1]PESARO – “La cultura come fattore di sviluppo locale, fonte di nuova occupazione, elemento educativo, vera locomotiva per la crescita socio economica delle Marche.” Così il Consigliere regionale Andrea Biancani è intervenuto oggi in Consiglio regionale in occasione dell’approvazione del Piano triennale regionale della Cultura 2017 – 2019.

“Un Piano – ha detto Biancani – che ha l’obiettivo ambizioso quello di individuare una spesa di 7 milioni di euro all’anno per tre anni, un impegno importante in un momento di minori risorse disponibili. Accanto a questi sono previsti altri 14 milioni provenienti da fondi europei”.

La Regione, che dopo la soppressione delle Province, ha in carico sia gestione delle risorse che la progettazione degli interventi, intende così sostenere le iniziative che coinvolgeranno soggetti pubblici e privati, musei e biblioteche, spettacoli dal vivo in una sinergica rete tra l’ente regionale, i Comuni e i privati”.

Molti i progetti degli enti di rilievo nazionale e delle associazioni culturali di interesse locale che insieme fanno di Pesaro una città culturale d’eccellenza.

“Tra le priorità – prosegue Biancani nella nota – ho chiesto, con un emendamento, l’inserimento nel Piano del sostegno alla candidatura di “Pesaro Città della musica, Città creativa dell’Unesco”. Pesaro ha tutte le caratteristiche necessarie per ricoprire questo titolo e per questo ci impegneremo in tutte le sedi istituzionali”.

Il Piano triennale reca anche molti altri interventi che riguardano Pesaro: il riconoscimento del Centro Arti visive “La Pescheria” affinché sia polo per la identità culturale delle Marche; l’inserimento tra i progetti prioritari di interesse regionale del “Rossini Opera festival”; tra i soggetti di rilievo nazionale l'”Ente concerti” per le iniziative legate alla musica classica, l'”Orchestra sinfonica Rossini” e la Fondazione Rossini; la realizzazione del film su Giocacchino Rossini nell’ambito del progetto regionale i Grandi Marchigiani che, dopo il successo del film su Giacomo Leopardi, vedrà all’opera la Fondazione Marche Cultura in collaborazione con importanti impresari nazionali di produzione cinematografica; il riconoscimento del “Nuovo cinema di Pesaro” come festival più importante della regione.

“Il Piano inoltre – afferma Biancani – ribadisce la volontà della Regione di sostenere attraverso appositi bandi i progetti culturali di interesse locale rivolti ad enti minori e piccole realtà associazionistiche che non hanno la possibilità di accedere ai contributi statali e europei, dando priorità ai servizi di rete. La Regione Marche ha la precisa volontà di investire in cultura. Per questo si apre all’ascolto del territorio ed attua con questo Piano una programmazione che favorisce azioni strategiche di sistema tra partenariati pubblici e privati in grado di attivare articolate filiere culturali e correlati processi che intendono gestire il corso di responsabilizzazione culturale, individuando efficaci e specifici strumenti di governance in grado di produrre uno sviluppo economico e sociale partecipato che coinvolga tutti i soggetti interessati”.

A breve la Regione, per attuare questi indirizzi, approverà il Piano annuale della Cultura con l’individuazione delle risorse destinate ai singoli progetti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>