Evaso e subito riarrestato il lettone che aveva dato alle fiamme i ristoranti Bella Napoli e Tiravino

di 

17 marzo 2017

FANO La Polizia di Fano ha rintracciato e arrestato per evasione un 29enne di origine lettone, che nel mese di novembre si era reso autore degli incendi ai due ristoranti fanesi Bella Napoli e Tiravino.

L’uomo è stato rintracciato a Fano dagli stessi agenti del Commissariato che già lo avevano arrestato pochi mesi prima, in quanto evaso nei giorni precedenti da una comunità terapeutica di Sassocorvaro dove si trovava in regime di arresti domiciliari.

Polizia al lavoro nella notte

Polizia al lavoro

Le immediate attività di ricerca dell’uomo hanno portato a focalizzare l’attenzione su Fano e, così, gli agenti del Commissariato, coordinati dal dirigente Stefano Seretti, lo rintracciavano, nella giornata del 16 marzo scorso in via Roma, nei pressi di un istituto di credito dove il ragazzo aveva in deposito del denaro. All’uscita dell’agenzia è stato bloccato ed arrestato per il reato di evasione.

Il giovane non ha opposto resistenza e ha immediatamente riconosciuto i poliziotti che, pochi mesi prima, lo avevano sottoposto ad un fermo di polizia giudiziaria per gli incendi ai due ristoranti fanesi.

Gli immediati approfondimenti investigativi permettevano di appurare che il lettone aveva necessità di denaro in quanto aveva trovato alloggio assieme a due donne presso un lussuoso albergo di Pesaro.

Nella mattinata odierna l’Autorità Giudiziaria ha disposto la riattivazione della misura cautelare in carcere nei confronti del 29enne, in attesa del processo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>