Sempre più in salita la strada della Pesaro Rugby: kiwi sconfitti 20-38 da Cavalieri Prato Sesto

di 

19 marzo 2017

PESARO – Dura un tempo la Paspa Pesaro Rugby con la Cavalieri Union Prato Sesto che si mantiene capolista della Poule Retrocessione. I pesaresi perdono 20-38 un match a due facce. Nel primo tempo il gioco viene quasi interamente manovrato dai ragazzi di Edmond. Che trovano due mete, ma se ne divorano altrettante. La “Cavalesto” si dimostra prima esperta e sorniona nel capitalizzare gran parte degli errori dei pesaresi, ma poi, nel secondo tempo, mostra i muscoli prendendo il largo e meritando ampiamente la vittoria.

Partita che comincia con un immediato botta e risposta di mete. La Paspa mette il muso avanti trovando un pertugio all’ala sinistra in cui Jashitashvili libera lo spazio alla meta di Del Bianco. La Cavalesto perde Nannini per infortunio, ma resta sul pezzo e risponde di maul con D’Apice che ristabilisce sul 5-5. Poi la Pesaro Rugby commette un errore capitale quando annusa quella seconda meta che invece trovano i toscani: palla sanguinosa persa dall’attacco pesarese e Fattori si fa 70 metri da centometrista per volare in meta, poi trasformata da Puglia. Micheli accorcia su calcio di punizione e il finale di tempo si chiude in crescendo di emozioni con due calci di punizione di Puglia che aprono e chiudono la meta pesarese segnata da Jaouhari e trasformata da Micheli.

Pesaro Rugby perde con PratoIl 15-18 all’intervallo lascia aperte le speranze su un secondo tempo che invece si rivela una disfatta. Che comincia col cartellino giallo a Martinelli, continua con la meta di Della Ratta e mette il dito nella piaga con il brutto infortunio a Mills (caviglia ko). Divario che diventa incolmabile con la precisione al calcio di Puglia e con Escalante (migliore in campo) e Fattori (che quando gli si lascia campo si conferma una lepre imprendibile) che fissano a cinque il conto finale delle mete toscane per altri 5 punti in classifica che avvicinano la Cavalesto alla salvezza. Pesaro segna la terza meta con Antonelli, ma il tempo è esaurito per tentare la quarta che addolcirebbe la pillola con un punto.

Per Pesaro le prospettive di salvezza vengono ulteriormente complicate dall’aver depennato un’altra occasione non impossibile. La quota salvezza resta distante 6 punti; quelli di ritardo da Noceto dove la Paspa si recherà domenica in una trasferta che obbliga i pesaresi a sbloccarsi lontani dal Toti Patrignani.

 

PASPA PESARO RUGBY – CAVALIERI UNION PRATO SESTO 20-38 (primo tempo 15-18)

Marcatori: Pt 5’ mt. Del Bianco, 8’ mt. D’Apice, 17’ mt. Fattori tr. Puglia, 30’ cp. Micheli, 39’ cp. Puglia, 42’ Jaouhari tr. Micheli, 46’ cp. Puglia .

St 5’ mt. Della Ratta, 24’ cp. Puglia 28’ mt. Escalante, 32’mt. Fattori tr. Puglia, 43’ mt. Antonelli

PASPA PESARO RUGBY: Piccioli (21’pt Valenti), Jaouhari, Sabanovic, Spinelli, Nardini (35’st Villarosa), Micheli, Ma. Martinelli, Mills (13’st Panzieri), Villarosa (35’st Sanchioni), Benelli (24’st Antonelli), Battisti (7’st Campagnolo), Del Bianco, Jashitashvili (20’st Pozzi), Fagnani, Solari. All. Edmond

CAVALIERI UNION PRATO SESTO: Lunardi, Biantinesi, Fattori, Puglia, Randelli, A. Nannini (6’pt Torri, 7’st Noviro), Della Ratta, Paulin, Escalante (35’st Caciolli), Calamai, Parri (35’st Fabbri), Giannasi (7’st Reali), Tancredi (26’st Ciaramelletti), D’Apice (34’st Celentano), Borsi (34’st Nannini). All. Pratichetti

Arbitro: Passacantando di Pescara

Cartellini: giallo 4’st Martinelli

Calciatori: Micheli (2 su 4) Puglia (4 su 7)

Punti: Cavalieri Prato Sesto 5, Paspa Pesaro 0

 

 

Risultati 5’ giornata Poule Retrocessione

Paspa Pesaro Rugby – Cavalieri Union Prato Sesto 20-38

Gran Sasso – Unione R. Capitolina 36-28

Rugby Noceto – Cus Genova 27-17

 

Classifica: Cavalieri Union Prato Sesto e Gran Sasso 18, Unione Capitolina 12, Noceto 11, Cus Genova 10, Pesaro Rugby 5

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>