Volley A2, Rossella Olivotto, Mvp nel derby: “Non dipende solo da noi, ma io credo ancora nel primo posto. Tifanny? Non sono d’accordo”

di 

21 marzo 2017

Un bel primo tempo di Rossella nella vittoriosa partita con la Battistelli San Giovanni in Marignano (Foto Eleonora Ioele)

Un bel primo tempo di Rossella nella vittoriosa partita con la Battistelli San Giovanni in Marignano (Foto Eleonora Ioele)

PESARO – Solo Serena Bertone, che di muri ne ha messi a terra 7, ha impedito a Rossella Olivotto di ricevere il riconoscimento di Miss Wall, migliore muro nella nostra rubrica settimanale “il meglio (ma anche il peggio) della 22^ giornata”. La centrale di Carrara e quella di Trento s’affronteranno domenica in una partita che s’annuncia di straordinaria importanza per entrambe le squadre. Blindato il secondo posto, la myCicero di Rossella deve fare il possibile e l’impossibile per provare – ripeto, provare – a insidiare il primato della Lardini Filottrano. Il Volley Soverato di Serena farà di tutto per bissare il successo della gara d’andata, quando le colibrì furono travolte dalle joniche. La squadra calabrese, che da domenica sera è quarta in coabitazione con Trento, ma ha un migliore quoziente vittorie, punta a difendere la posizione, per poi giocarsela nella sfida casalinga del 2 aprile, quando la Delta Informatica sarà ospite delle ragazze allenate da Saja.

Rossella Olivotto è stata la nostra Mvp nel derby tra Marche e Romagna: la grande presenza a rete, i 6 muri e il 50% offensivo sono stati devastanti per la Battistelli. Contro San Giovanni in Marignano, la centrale ha prolungato la buona prestazione offerta in Coppa Italia.

“Sono molto contenta: mi sentivo bene, in forma e ho fatto buone letture nel muro. Il merito della vittoria, ovviamente, è di tutta la squadra, di come abbiamo preparato la partita. Con le indicazioni ricevute da Matteo Bertini, murare è stato più facile”.

Continuate a sbagliare tanto. Alle 13 battute errate avete aggiunto altri 12 omaggi, per un totale di 25; solo 5 in meno dei 30 accumulati nella finale di Coppa Italia, ma con un set in più.
“E’ vero. E’ un aspetto negativo che ci caratterizza in negativo. Dobbiamo eliminare gli errori perché siamo una squadra un po’ sbagliona. Lavoreremo su questo aspetto, anche se con la Battistelli ci stava perché l’indicazione era di forzare il servizio e di non trattenerci in attacco; insomma di rischiare sempre con palla buona. Però sarebbe meglio limitare gli errori”.

E’ stato importante reagire alla sconfitta nella finale di Coppa Italia. E avete vinto contro una squadra che sta facendo un buonissimo campionato.
“Personalmente, la delusione per la finale di Coppa c’è ancora. Ci tenevamo molto, ma lo sport è anche questo: puoi vincere, ma anche perdere. Filottrano ha giocato meglio, complimenti a loro. Era importante riscattarci subito, esprimere un buon livello di gioco e conquistare i 3 punti: ci siamo riuscite”.

Lei è molto giovane, ma vanta un’esperienza importante: come vede il vostro cammino nelle ultime 4 giornate della stagione regolare?
“Io sono dell’idea che, fino a quando la matematica non ci condannerà al secondo posto, dovremo lottare per il primo. Credo ancora nella promozione diretta, anche se non dipende da noi. Nostro compito è essere concentrate al massimo e pensare alle partite che ci attendono, possibilmente a conquistare tutti i punti ancora in palio”.

Rossella che pensiero le viene subito in mente se le dico che Tifanny, alla quale la Fipav ha concesso il nulla osta per giocare nel campionato italiano, nei primo tre set con Caserta ha realizzato 23 punti?
“Che è di un’altra categoria! Fisicamente, rispetto a noi ha una marcia in più. Personalmente, Tifanny ha tutta la mia stima per il percorso che ha fatto, per le sofferenze affrontate, per la sua determinazione nella scelta, ma non sono d’accordo con chi le ha concesso l’autorizzazione. Pallavolisticamente parlando, anzi sportivamente parlando, non condivido la decisione, proprio perché lei ha una marcia in più rispetto a noi”.

Quando intervistavamo Rossella Olivotto, subito dopo la vittoria sulla Battistelli, la gara tra Caserta e Palmi era ancora in corso. Come è noto, dopo 4 set, Tifanny ha realizzato… 31 punti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>