La Lega Nord attacca Seri: “Ma ha a cuore la città di Fano?”

di 

27 marzo 2017

Lega Nord MarcheDa Lovodivo Doglioni, commissario della Lega Nord della provincia di Pesaro e Urbino, riceviamo e pubblichiamo la seguente nota:
FANO – Il sindaco Massimo Seri non ama proprio la città di Fano, forse non gli piace fare il suo sindaco e non vuole farsi rieleggere, oppure ha qualche ragione per cui deve voler male alla nostra città. Chissà, non possiamo di certo saperlo noi cosa gli frulla per la testa, ma alcuni fatti stanno testimoniando che quanto abbiamo affermato sia assolutamente vero. Non vorrà mica il sindaco Massimo Seri essere ricordato ai posteri come il liquidatore dell’Ospedale Santa Croce, colui il quale decide la chiusura del nostro storico ospedale dopo 100 anni di onorato servizio alla collettività, oppure essere ricordato come il paladino degli accattoni di Fano? Di certo ogni sua mossa politica porta inevitabilmente a facilitare la nostra vittoria alle prossime elezioni, e questo ben oltre ogni e qualsiasi alleanza si potrebbe fare.
Fano città dell’accattonaggio è l’ultima abile mossa del sindaco, per la quale ovviamente ringraziamo per averci fornito un assist notevole. In un momento di grande difficoltà economica per tutti i fanesi, dove ancora eroici commercianti aprono le serrande per dare una parvenza di città al nostro centro storico, dove impavidi imprenditori ogni mattina raggiungono tra mille buche una area industriale degna del terzo mondo cercando di issare la bandiere del made in Italy ormai scopiazzato da tutti e venduto falso sulle bancherelle della spiaggia o durante il nostro mercato cittadino, ecco l’idea geniale del nostro sindaco: censire gli accattoni e dare loro un badge comunale in modo che possano riscuotere il pizzo al parcheggio con il patrocinio del comune. E magari raggrupparli in una associazione, una cooperativa di lavoratori del parcheggio o dei richiedenti del resto fuori dai supermercati, così ti alleggeriscono delle pesanti monetine che affliggono le nostre tasche.
Non c’è che dire, in barba ai nostri giovani disoccupati, o delle cassiere dei supermercati che sono costrette a lavorare anche la domenica per tenersi il lavoro e che guadagnano molto meno degli accattoni seduti per terra di fronte a loro, il nostro sindaco è proprio razzista verso i fanesi. Ma che si preoccupi di più della sicurezza e del decoro della sua città, della salvaguardia del nostro ospedale, di aiutare le nostre imprese e le associazioni dei disabili, altrimenti ci rende veramente facile vincere il comune alle prossime elezioni.
Arch. LODOVICO DOGLIONI
Commissario Lega Nord della provincia di Pesaro e Urbino

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>