Turismo, prenotazioni in calo anche del 70%. Varotti: “Ci diano fondi per danno indiretto”

di 

29 marzo 2017

Amerigo Varotti, direttore provinciale di Confcommercio

Amerigo Varotti, direttore provinciale di Confcommercio

PESARO – “Nessuna ripresa turistica dopo il terremoto. A Urbino e nel Montefeltro calo di prenotazioni tra il 50 e il 70%”. Il direttore della Confcommercio di Pesaro Urbino Amerigo Varotti, a margine della presentazione dell’accordo tra Bcc Gradara e l’associazione di categoria sui finanziamenti agevolati, commenta l’andamento turistico nel Pesarese, smentendo quanto affermato dall’assessore regionale al Turismo Moreno Pieroni che aveva parlato di piccola “ripresa” dopo le disdette dovute all’effetto sisma.

“A Pesaro noi registriamo con preoccupazione che dalle prenotazioni per Pasqua e il ponte del 25 aprile giungono segnali poco incoraggianti – spiega Varotti all’agenzia Dire- Anche l’estate non promette bene. A Pasqua, nonostante i grandi eventi sportivi, abbiamo le stesse presenze dell’anno scorso: ma i turisti sono pochi, si tratta per lo più di persone che vengono qui per le manifestazione. Idem per il ponte della Liberazione che porterà a Pesaro tanta gente ma solo per i campionati italiani di tiro con l’arco e per il torneo di basket”.

Male, secondo il direttore provinciale della Confcommercio, anche il turismo di Fano e Urbino: “A Fano le prenotazioni scarseggiano e abbiamo registrato numerose cancellazioni di gruppi. A Urbino e nel Montefeltro abbiamo avuto nei primi tre mesi del 2017 un calo delle prenotazioni che va dal 50 al 70%. Per questo chiediamo alla Regione di inserire la nostra provincia tra i destinatari dei fondi per il danno indiretto derivato da terremoto. L’amministrazione regionale dovrebbe investire ancora di più sulla promozione e, soprattutto, sulle fiere internazionali per far vedere al mondo che nelle Marche la vita prosegue normalmente”.

Il 3 aprile, le Marche presenteranno la stagione di eventi estivi alla Bit, la fiera sul turismo di Milano. “Speriamo – conclude Varotti sempre alla Dire – che da lì riparta il turismo pesarese e marchigiano”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>