Volley A2, la myCicero s’aggiudica facilmente l’allenamento con la Battistelli. In grande evidenza tutti i rincalzi, con menzione d’onore a Silvia Bussoli, Alice Pamio  e Viola Tonello

di 

31 marzo 2017

Silvia  Bussoli ha vissuto una serata magica giocando da protagonista l'allenamento con la Battistelli San Giovanni in Marignano (Foto Eleonora Ioele)

Silvia  Bussoli ha vissuto una serata magica giocando da protagonista l’allenamento con la Battistelli San Giovanni in Marignano (Foto Eleonora Ioele)

Prima in bicicletta, poi sul campo di gioco, che pure non ha il taraflex. Così la myCicero vive un positivo ultimo giovedì di marzo, che sembra pazzerello anche nel volley. Domenica scorsa, la palla non cadeva a terra, finendo spesso contro il muro piazzato, o in tribuna, tra mormorii di delusione dei tifosi che sognavano di andare a Filottrano a giocarsi un’intera stagione, tutto un campionato di serie A2. La sconfitta casalinga con Soverato non è stata digerita dagli appassionati. Dicono che pedalando si digerisca meglio. Magari non è vero, ma, dopo avere visto il sorriso di Alessia Ghilardi, Alice Santini e Viola Tonello in sella alle biciclette di Velomarche, ci si può credere. Ancor più dopo avere seguito l’allenamento congiunto, che non è un’amichevole ufficiale, ma tra squadre di pari categoria assume pur sempre un significato importante, e apprezzato le prove di chi gioca poco, ma domenica scorsa, contro le calabresi, aveva provato, inutilmente, a dare una mano al sestetto titolare.

myCicero e Battistelli, presenti la co-presidente pesarese Barbara Rossi, che in serata ha festeggiato il compleanno del co-presidente, e marito, Giancarlo Sorbini, ma anche Otello Battistelli, presidente e sponsor della squadra romagnola, sono attese da due lunghe trasferte: le pesaresi a Settimo Torinese, le romagnole a Palmi. Così, gli allenatori si sono accordati per un allenamento congiunto, disputando diversi set iniziati ora sul 10 pari, ora sull’8 a 8. Se ne sono giocati 7, vinti tutti da Pesaro, che pure ha dato spazio a tutte le giocatrici.

Questi i risultati: 25-18; 25-23; 25-17; 28-26; 25-19; 25-20; 25-22.

PRIMO SET: Inizialmente, Bertini e Marchesi hanno schierato i migliori sestetti. Pesaro ha giocato con la diagonale composta da Di Iulio, che da due giorni è entusiasta zia, avendo la sorella Chiara, famosa pallavolista, dato alla luce la primogenita, e Kiosi, al centro Mastrodicasa e Olivotto, a schiacciare e ricevere Degradi e Santini; libero Ghilardi. San Giovanni in Marignano risponde con Battistoni e Agostinetto; Giuliodori e Moretto; Saguatti e Vyazovik; libero Lanzini. Si parte dal 10 pari, Apre e chiude un errore offensivo romagnolo. Sullo slancio, due muri pesaresi confermano che le colibrì hanno voglia di fare bene. Il vantaggio cresce, passando dal 18-13 al 20-14, fino al 23-17. Insomma, tutto facile per la myCicero che vince 25-18 e ha 4 punti da una buona Kiosi.

SECONDO SET: sestetti confermati. Ospiti in vantaggio con Moretto (primo tempo) e capaci d’allungare sull’11-14. L’unico punto pesarese è una battuta sbagliata di Battistoni. La replica frutta il sorpasso: 17-15. Sotto di 3, la Battistelli recupera (20-19) e prova a giocarsi il parziale fino in fondo. Pesaro, che vuole giocarsela con colpi diverso rispetto a quelli esibiti con Soverato, difende con le unghie e con i denti i piccoli vantaggi (22-19 e 23-21), poi trova il guizzo definitivo con Olivotto: 25-23. Malgrado qualche errore, è ancora Kiosi la più prolifica delle pesaresi.

TERZO SET: si parte dall’8 pari, con Bertini che avvicenda Olivotto con Viola Tonello. La centrale genovese subito in evidenza con una suo primo tempo che allarga il divario aperto dall’errore in battuta di Agostinetto, troppo fallosa. La myCicero allarga il margine, che passa dall’11-8 al 13-9. Arriva un gran muro di Santini (16-12) che scatena l’ironìa di Ghilardi: “Nevica!”. Due errori romagnoli danno il 19-1; un margine che esalta Tonello, che realizza il quinto punto con la fast del 25-17. Si va sul 3-0 e la sensazione è che il dominio possa proseguire grazie a un muro-difesa che non fa cadere un palla, alle scelte offensive che tendono a cambiare colpi, senza intestardirsi nelle schiacciate forti, che finiscono per spegnersi nel muro delle ospiti o nelle prime file della tribuna.

QUARTO SET: Bertini schiera anche Pamio e Bussoli. Io via sull’8 pari e Pesaro prende il largo con una gran pipe di Pamio, che sul 18-14 ha messo a terra 4 punti, ma deve fare i conti con il servizio di Saguatti, che, dopo un muro fuori vincente, va in battuta e piazza uno 0-5 esterno che sembra potere cambiare il corso dell’allenamento. Un punto fortunato di Bussoli, dopo la battuta sbagliata della schiacciatrice emiliana, riporta Pesaro in vantaggio, ma Vyazovik, una pipe di Tallevi, un murone e ancora un attacco vincente della russa della Battistelli danno il 22-24, che Pesaro azzera grazie a un errore offensivo avversario e il quinto punto di Pamio. Un’invasione regala alle pesaresi l’opportunità di chiudere, ma Battistoni è brava a colpire con una giocata di seconda intenzione, per poi sbagliare la battuta. Un gran muro a 2 (Tonello-Bussoli) lancia la myCicero al successo anche nel quarto parziale: 28-26.

QUINTO SET: Bertini lascia in campo Degradi e Olivotto, confermando Tonello, Bussoli e Pamio e dando spazio a Rimoldi in regia e Gamba libero. Si incomincia dall’8 pari. Set in equilibrio fino al 18-16, poi le colibrì se ne vanno con un 3-0 che è già una sentenza: 21-16 (muro di Bussoli). Un muro fuori di Pamio manda ai titoli d coda: 25-19.

SESTO SET: Bertini ripropone Kiosi e Mastrodicasa, facendo riposare Olivotto. Pamio, ma anche un ace di Kiosi esaltano la myCicero, che ha tante belle cose da Nicole Gamba, oltre a una regia lucida ed equilibrata firmata Rimoldi. Soprattutto, è i set di Silvia Bussoli, che lo manda in archivio con 8 punti 8 e una ricezione tanto difficile quanto fortunata che sfocia nel 24° punto. Il successivo è un errore romagnolo: 25-20. Gli applausi sono tutti per Silvia Bussoli, 8 punti nel frangente.

SETTIMO SET: se lo aggiudica ancora una volta la squadra pesarese, che ripropone Olivotto e Tonello al centro, affidando la regia a Rebecca Rimoldi, che fa la sua bella figura. La Battistelli conquista uno dei rari vantaggi (9-10). Si va avanti punto a punto. Anche Marchesi dà spazio a tutti quelle che possono scendere in campo. La pesarese Bianca Boccioletti fa bella figura lottando su ogni palla. Pesaro guadagna un paio di punti, subito recuperati dalla Battistelli, che però sbaglia troppo: 2 battute e altrettanti attacchi al vento. Così, a chiudere il conto ci pensano Pamio e Olivotto: 25-22.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>