Fano raggiunto dal Mantova al Mancini, ma la serie positiva si allunga

di 

2 aprile 2017

Un'immagine di Alma Juventus Fano-Mantova

Un’immagine di Alma Juventus Fano-Mantova

AJ FANO – MANTOVA 1-1
AJ FANO (4-3-1-2)
: Menegatti; Lanini, Zigrossi, Zullo, Taino; Gualdi, Bellemo, Gabbianelli (42’ st Melandri); Filippini (34’ st Borrelli); Germinale, Fioretti (40’ st Masini). All. Cuttone
MANTOVA (3-4-2-1): Tonti; Cristini, Vinetot, Diaby; Regoli, Salifu, Raggio Garibaldi (5’ st Caridi), Donnarumma; Di Santantonio, Smith (15’ st Sodinha); Boniperti (30’ st Cittadino). All. Graziani
ARBITRO: Giua di Olbia
RETI: 14’ st (rig.) Germinale, 29’ st Caridi
NOTE: spettatori 2.500 circa; ammoniti Raggio Garibaldi, Bellemo, Vinetot, Tonti, Di Santantonio, Gabbianelli; angoli 3-7; recupero 1+5

FANO Un pareggio che allunga la striscia positiva per l’Alma di Cuttone, che oggi al Mancini ha fatto 1-1 con la diretta concorrente Mantova. Fano a trazione anteriore, con Gabbianelli e Filippini a supporto dell’ormai consueto tandem offensivo composto da Germinale e Fioretti, ma i granata si devono scontrare col muro virgiliano, eretto da mister Graziani. Senza le bocche da fuoco Marchi e Guazzo, gli ospiti fanno densità a centrocampo rompendo il palleggio a terra dei fanesi. Così capita così che le azioni salienti del primo tempo siano tutte di marca ospite, a cominciare dalla conclusione a lato di un soffio di un Vintot lasciato inspiegabilmente solo al 6’ sul corner di Donnarumma. All’11’ Regoli ci prova quindi dalla distanza, con un fendente che sibila il palo alla destra di Menegatti, ma il Mantova si fa nuovamente minaccioso al 24′, quando sulla traiettoria disegnata dallo stesso Regoli è ancora lo statuario Vinetot ad incornare fuori.

Nella ripresa si vede un Fano più convinto, con Fioretti che, innescato di Gualdi, viene atterrato da Vinetot. Per l’arbitro è rigore: Germinale si fa parare la conclusione da Tonti ma il centravanti in tuffo ribatte in fondo al sacco. Il Mantova, pericoloso col subentrato Sodinha, trova il pari con Caridi, pure lui gettato nella mischia a partita in corso. Nel finale Diaby per poco non sorprende il proprio portiere su cross di Taino.

(Si ringrazia Fano Sport 24)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>