Pesaro Rugby rinvigorita dalla terza vittoria stagionale. Fagnani: “Siamo carichi per questo finale”

di 

4 aprile 2017

Rossano Fagnani (Foto Filippo Baioni)

Rossano Fagnani (Foto Filippo Baioni)

PESARO – Terza vittoria stagionale per la Paspa Pesaro Rugby, la seconda stagionale strappata alla Gran Sasso e, per la prima volta, ecco servite due domeniche di fila accompagnate da due risultati positivi che scuotono la classifica. Classifica che ora dice come Pesaro abbia tre punti di distacco dalla salvezza. Da provare a colmare nelle tre partite restanti.

Una continuità di risultato che è arrivata proprio nel momento in cui non era più rimandabile. «Sembra strano, ma in queste ultime due partite abbiamo giocato tutti con meno pressione proprio quando la situazione avrebbe suggerito di averne più del solito» l’analisi di Rossano Fagnani, prima linea giallorossa che dall’esperienza dei suoi 33 anni vede una Pesaro Rugby «più matura e più concentrata. La squadra si è messa giustamente in testa di non aver più paura di sbagliare. Perché l’errore è umano, ma se si sbaglia bisogna fare il massimo per rimediare senza perdere la testa».

Evidente il passo avanti delle ultime due partite con Noceto e Gran Sasso. Entrambe partite male, entrambe raddrizzate con carattere e nervi saldi. In un passato non troppo lontano – vedi sfida con Prato – accadeva invece di vedere una Paspa che esordiva con le migliori premesse per poi sfilacciarsi e veder naufragare il risultato: «Un passo avanti sì, ma mi piacerebbe che il prossimo sia quello di non sbagliare nemmeno i primi dieci minuti e non aver bisogno della sveglia iniziale – continua Fagnani – Ma siamo sulla strada giusta, la squadra è molto carica e ha imparato a non abbattersi dopo gli errori. Se si sbaglia, si riparte da zero dando il massimo e all’80esimo si tirano le somme».

Se finisse oggi il campionato, la squadra sarebbe però retrocessa: «Noi andiamo avanti sapendo che se ne sbagliamo una, diventa quasi impossibile arrivare all’obiettivo. Ma essere con le spalle al muro ci sta motivando tanto». Motivazione accompagnata da un’accresciuta cura del particolare: «Siamo cresciuti in difesa e sfruttiamo meglio il piede con Francesco Micheli che le sta mettendo un po’ tutte. Ogni dettaglio migliorato è un passo in più per spostare gli equilibri».

Si è infortunato Jordan Mills che è stato tra i maggiori punti di forza della squadra, ma il collettivo è riuscito comunque a fare risultato: “Ognuno del gruppo ha aggiunto qualcosa per colmare il vuoto di Jordan e un giocatore esperto come George Jashitashvili domenica è stato fondamentale per indicare agli altri la strada da seguire”.

Domenica si va a Roma con la Capitolina. Che Pesaro ha battuto nell’andata della Poule alla prima con Edmond in panchina: «Sarà un’altra battaglia – conclude Fagnani – noi daremo il massimo e alzeremo la testa solo all’80esimo per vedere dove saremo»

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>