A Minsk grande successo per la sfilata “made in Marche”

di 

5 aprile 2017

L’Ambasciatore Stefano Bianchi, il delegato Unicef Sarwar Rashed e Moreno Bordoni inaugurano la show room a Minsk

l’Ambasciatore Stefano Bianchi; il delegato Unicef Sarwar Rashed e il segretario Cna Pesaro-Urbino Moreno Bordoni inaugurano la show room a Minsk

PESARO – L’inaugurazione di uno show room; una sfilata seguita dai media di tutto il paese e un’iniziativa di solidarietà che fa onore all’Italia. Tutto questo è stata l’ultima edizione di Moda Italia a Minsk, l’iniziativa targata CNA di Pesaro e Urbino nella capitale bielorussa. Tutta all’insegna del Full made in Italy, l’iniziativa si è tradotta nell’ennesimo successo per Pesaro e la CNA. Il gusto, l’abilità e la capacità di confezionare capi di grande qualità e cura dei particolari ha conquistato la Bielorussia e i buyers dei paesi dell’Unione euroasiatica del settore della moda. Tutto è nato da un’iniziativa coraggiosa della CNA di Pesaro e Urbino che nel giro di pochi anni è diventata in quel paese un vero e proprio must: “Moda Italia a Minsk”. Giunta alla sua ottava edizione (in soli quattro anni), la kermesse dedicata allo stile italiano si è trasformata nel più importante evento dedicato alla moda e all’abbigliamento che si tiene in Bielorussia. La scorsa settimana si è tenuta la sfilata (con capi e collezioni di ditte marchigiane della moda e per la prima volta di uno stilista bielorusso che ha fatto eseguire la sua collezione in Italia), nella prestigiosa Prime Hall di Minsk. Un evento che rappresenta certamente il momento glamour e l’occasione per ammirare le produzioni delle aziende marchigiane e italiane. Ma in fondo la sfilata è stata quest’anno il pretesto per promuovere un nuovo punto di riferimento dello stile italiano che è nato nella capitale bielorussa. E’ stato inaugurato infatti in questi giorni il primo showroom italiano della moda nel centro di Minsk. Una iniziativa nata grazie all’importante ruolo di promozione svolto in questi anni dalla CNA di Pesaro e Urbino che ha avuto la determinante collaborazione dell’Ambasciata italiana. “Si tratta di uno show room riservato ai soli buyer commerciali e agli operatori del settore moda – spiega Moreno Bordoni, segretario CNA di Pesaro e Urbino – che proporrà 365 giorni all’anno lo stile italiano e le nuove collezioni dei brand italiani. Ma non sarà solo un luogo di esposizione quanto piuttosto un luogo di scambi e relazioni commerciali. Un’opportunità unica per le aziende di poter esportare i propri prodotti non solo in Bielorussia ma in tutti i paesi dell’Unione euroasiatica e in Ucraina”.

Una tappa fondamentale che è diventata possibile grazie anche al ruolo svolto da Moreno Bordoni, che giusto qualche mese fa, per il suo lavoro di questi anni, è stato nominato rappresentante della Camera di Commercio Bielorussa in Italia. E proprio sulla scia di queste iniziative e dei sempre più proficui scambi commerciali, si terranno nei prossimi mesi (a Milano e Roma), due importanti forum economici che avranno al centro i rapporti commerciali tra i due Paesi.

Tutti i media bielorussi hanno seguito come di consueto Moda Italia a Minsk con i principali canali televisivi che hanno realizzato trasmissioni e servizi sulla manifestazione. Evidenziata anche la collaborazione della manifestazione a favore di Unicef. Questa volta per la sfilata alla Prime Hall è stata presentata una nuova iniziativa di solidarietà legata alla sfilata a favore dell’infanzia che ha avuto come tema lo sport. A dare valore all’avvenimento era presente alla serata Sarwar Rashed, delegato Unicef per la Bielorussia assieme all’Ambasciatore italiano Stefano Bianchi. La delegazione della CNA di Pesaro e Urbino era invece composta dal presidente provinciale dell’associazione, Alberto Barilari, dal segretario provinciale, Moreno Bordoni. Con loro Riccardo Rossetti della Italian Brands Designer.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>