Drudi al Salone del Mobile di Milano: “Straordinario salto di qualità dei nostri mobilieri”

di 

7 aprile 2017

Alberto Drudi, presidente della Camera di Commercio, Gisella Bianchi, coordinatrice di Aspin 2000, e Vittorio Livi, presidente di Fiam

Alberto Drudi, presidente della Camera di Commercio, Gisella Bianchi, coordinatrice di Aspin 2000, e Vittorio Livi, presidente di Fiam

MILANO – “C’è uno straordinario salto di qualità sia sul fronte dei prodotti che su quello della loro presentazione negli stand”. E’ entusiasta il presidente della camera di commercio, Alberto Drudi, lasciando il quartiere di Rho-Milano Fiera, dopo aver visitato le aziende pesaresi che, fino a domenica, espongono al Salone Internazionale del mobile. “Non avevo mai visto nelle precedenti edizioni un livello così alto – ha aggiunto -: va dato atto ai nostri imprenditori dell’arredamento di aver investito con decisione sull’innovazione, il design e la scelta dei materiali pur di mantenere una leadership sul mercato internazionale”.

Drudi ha ammesso che “c’è una situazione economica mondiale particolarmente instabile”, ma incontrando gli organizzatori della kermesse milanese ha avuto conferma che, “oltre a sfondare il numero dei trecentomila visitatori provenienti da tutto il mondo”, l’edizione di quest’anno sta segnando “il consistente ritorno degli operatori russi”. Secondo quanto si è appreso, infatti, i visti di ingresso rilasciati per questa edizione sono doppi rispetto a quelli dell’anno scorso, “quando esponeva e faceva da traino l’intero comparto delle cucine”. Per Drudi si tratta di “un segnale importante, perché sul mercato russo le aziende pesaresi del mobile hanno perso, solo nell’ultimo anno, oltre il 28% del proprio fatturato e quello che tre anni fa era il secondo mercato di riferimento si è ridotto a essere solo il quarto”.

A proposito dei visitatori stranieri, inoltre, gli organizzatori hanno segnalato un incremento delle presenze provenienti dall’area asiatica e da quella mediorientale fino a Cina e Giappone, “Paesi dove la nostra camera di commercio realizza, e continuerà a farlo, progetti proprio a sostegno di una presenza più efficace delle aziende pesaresi”.

“Ho percepito la generale soddisfazione dei nostri mobilieri – ha concluso Drudi -, anche se è presto per trasformare i contatti in fiera in contratti e container che escono dalle fabbriche pesaresi. La certezza è che questa edizione del Salone di Milano riporta il nostro distretto a essere tra i leader in Italia, per qualità e creatività delle collezioni: elementi che in tutto il mondo continuano a fare la differenza”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>