F1 Gp di Cina: pole da record per Hamilton ma Vettel è in scia

di 

8 aprile 2017

Lewis Hamilton conquista la pole del G.P. di Cina, la numero 63 in carriera, con un giro pazzesco alla sua maniera. Ma oggi a Shanghai si è avuta la conferma che la Ferrari e Vettel, dopo la vittoria “ragionata” in Australia, sono competitivi anche in qualifica, bestia nera delle ultime stagioni per Maranello.

Uno spettacolo la lotta fra i due alfieri Ferrari e Mercedes, con un Hamilton come al solito sornione nei primi due quarti d’ora, poi “tigre” pronta alla zampata negli ultimi minuti. Ma oggi è tornato a far sentire il proprio ruggito del sabato anche il “leone” Vettel, che chiude anche lui con un tempo record a 186 millesimi dalla Mercedes del “tigre” Hamilton. Il pilota Ferrari “brucia” per un solo millesimo (!) Valtteri Bottas, che continua a dimostrare di meritarsi la Mercedes, buona anche la qualifica di Raikkonen, calato leggermente in Q3, che affiancherà Bottas per una seconda fila tutta finlandese. Una Mercedes ancora favorita, una Ferrari che conferma, finalmente anche in qualifica, di avere un potenziale per poter sovvertire il pronostico a favore dei tedeschi.

La stagione è appena iniziata, il ritornello è sempre quello di stare a testa bassa e con i piedi per terra, ma si può alzare lo sguardo per capire l’ottimo lavoro di base fatto dalla “nuova” giovane equipe di Maranello, capitanata dall’Ingegner Mattia Binotto, ora chiamati a proseguire nella crescita della SF70-H. Andiamo a vedere gli altri della top ten, tutti a distacchi abissali, quinto Ricciardo con la Red Bull, a quasi un secondo e mezzo, sesto Massa sempre efficace con la Williams, settimo Hulkenberg che con la sua classe riporta la Renault nelle posizioni che contano. Ottavo un sempre positivo Perez con la Force India, nono il ritrovato Kvyat, il russo della Toro Rosso conferma la buona prestazione fatta vedere in Australia. Una citazione la merita Lance Stroll, il giovane arrivato in Williams, sia per meriti sportivi ma soprattutto per il babbo “Paperone”, dopo un approccio così così, nei test pre campionato ed in Australia, oggi ha zittito tutti, entrando in Q3 e chiudendo al decimo posto. E’ stata una qualifica veramente da brivido come si attendeva da tempo, come detto i quattro “missili” – le due Ferrari e le due Mercedes – hanno fatto il vuoto, una battaglia sul filo dei decimi, che è il miglior spot pubblicitario per incollarci domani mattina al video, ed anche un motivo per riconciliarsi la F.1. Chi oggi ha deluso, anche se non per colpa sua, è Max Verstappen, il giovane astro nascente olandese, le ha provate tutte ma problemi al motore Renault della sua Red Bull lo hanno relegato in ultima fila. Per Max una delusione, per lo spettacolo può essere un bene, visto l’aggressività del “baby terribile”. Continua l’inserimento di Antonio Giovinazzi in F.1, dopo il debutto più che positivo in Australia, in sostituzione dell’infortunato Wehrlein, concluso con un dodicesimo posto finale. “Bon Jovi”, come lo ha soprannominato il settimanale Autosprint, oggi si è lasciato prendere un po’ la mano, dopo aver stabilito il quindicesimo crono, che gli avrebbe fatto disputare la Q2, il giovane di Martina Franca nell’ultimo tentativo di migliorare la sua prestazione ha “appoggiato” la sua Sauber contro il muro, peccato, comunque ora si concentrerà senz’altro sulla gara di domani. Le premesse per una bella gara come detto ci sono tutte, il G.P. della Cina lo potrete seguire in diretta esclusiva SKY alle 8 o in replica su RAI 1 alle 14.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>