RiartEco 2017 – il riconoscimento al rifiuto: mostra di opere d’arte con materiale di scarto fra Pesaro, Cosenza, Roma, Siena, Genova e Milano

di 

13 aprile 2017

gruppo (48)PESARO – Come possiamo porre l’attenzione della collettività sui temi della raccolta differenziata, dell’ecosostenibilità e della salute? In che modo possiamo valorizzare l’importanza del riciclo, evitando così inutili sprechi? Questi sono gli interrogativi affrontati da RiartEco, l’unica mostra itinerante sul territorio nazionale che propone opere realizzate con materiali di recupero, rifiuti e scarti.

Una “gara espositiva” organizzata per la prima volta a Firenze nel 2005 dall’Associazione POP point of presence, che anno dopo anno ha allargato i propri orizzonti per dar vita al Movimento RiartEco,  esponendo un numero sempre più considerevole di artisti e toccando molte città d’Italia. Il 2017 porterà la “carovana artistica” in ben 6 città d’Italia dal 18 marzo al 25 giugno da Cosenza a Milano, passando per Roma, Pesaro, Siena e Genova, all’interno di sedi prestigiose ed in compagnia di partner importanti come Flixbus, Compo, Gulliver e Radio Siena Tv, grazie ad un bando internazionale dedicato ad eco-artisti che metteranno in mostra creazioni artistiche e oggetti di eco-design utilizzando tecniche espressive diverse, secondo la propria visione artistica e sensibilità verso l’ambiente.

Il progetto “RiartEco” intende sottolineare come i rifiuti oltre ad essere raccolti, debbano essere sempre più“riconosciuti” quali importanti risorse che possono acquisire un valore economico, attraverso il recupero ed il riutilizzo dei materiali, ed una valenza creativa, mediante il riciclo artistico e la realizzazione di opere di eco-design.

Sensibilizzare la società in tutte le sue componenti ed istituzioni, comprese quelle museali ed artistiche, verso l’adozione di modelli sostenibili, di produzione associate ad un’efficiente gestione dei consumi energetici, valorizzare il ricorso alle energie rinnovabili, abbattere gli sprechi alimentari, questi gli obiettivi del movimento RiartEco e della sua(r)EVOLUTION. Sintesi ideale di questi intenti è l’installazione di Geo Florenti, un Lightbox a consumo zeroappositamente creato per la manifestazione. L’artista, quest’anno ospite d’eccezione, indaga da anni il rapporto luce-arte con installazioni autolimentate (senza la necessità di batterie o prese di corrente) che riciclano/recuperano l’energia dispersa dalle luci accese dello spazio espositivo in cui si trova mediante un sistema di celle fotovoltaiche. In un rapporto di reciprocità e rispetto per il Pianeta, la tecnologia insieme all’arte vengono qui incontro all’ambiente per migliorarne la qualità e ridurne lo sfruttamento.

A Pesaro la mostra è in programma a Palazzo Gradari dal 17 al 24 aprile; inaugurazione alle ore 18.

 

80 ARTISTI PARTECIPANTI            testimonial: Geo Florenti                                                             

fuori concorso: Cesare Catania

locandina (6)Adelaide Scavino, Adriana Bugliarelli, Agnese Del Gamba, Alberta Piazza, Aldo Celle, Alessandra Bisi, Alessandro Padovan, Alessia Ziccardi, Angela Cosenza, Angelo Contini, Anna Proietti, Antonella Colella, Antonella Privitera, Antonio Conte, Arredamenti Caneschi, Barbara Cotignoli, Benedetta Iandolo, Biagio Castilletti, Carlo Sain, Carlo Turco, Carmela La Salandra, Chicca Savino, Cinzia Carrubba, Claudia Scalera, Costantino Panella, Cristiana Pedersoli, Daniele Meli Salvadori, Domenico Cocchiara, Doris Scaggion in arte Dorisca, Elisa Tigano, Emma Anticoli Borza, Enrica Sala, Ferdinando Segreti, Francesca Merola, Gabriella Oliva, Gianluigi Boleto, Gianluigi Dossena, Gianni Corda, Gianpaolo Berto, Giovanna Sinatra, Giovanni Dal Cin, Giulia Nelli, Laboratorio Selvaggiastro, Lamberto Caravita, Leonarda Faggi, Loriana Casati, Lucia Longo, Mamy Costa, Marcella Foresio, Marcella Mallia, Marco Frezza, Mario Formica, Mauro Benedetti, Nicola Spano in arte Nik Spa, Paola Buzzi, Paolo Beltrambini, Paolo Lo Giudice, Paolo Piacentini, Piergiorgio Maiorini, Pietro Racchi, Raffaella Piane, Roberta Zambon, Roberto Garbarino, Rosalba Rombolà, Rossana Chiappori, Rossela Ricci, Rosy Imbrogno, Sabrina Faustini in arte Sabri, Sara Contardi, Serena Pucci, Sergio Andrea Lagomarsino, Simona Della Bella, Simona Di Pasquale, Simona Fiandri, Simone Monesiglio, Sofia Olga Bakhmatska, Stefania Chiaselotti, Stefania Verderosa.                                                                                                                                                       

Titolo:   RiartEco 2017  il riconoscimento al rifiuto –  Art (r)Evolution

le tappe del tour:

  1. Cosenza, Villa Rendano – Via Triglio, dal 18 al 28 marzo (curatore ref. Nando Segreti)
  • Roma, Città dell’Altra Economia – Largo Dino Frisullo, dal 3 all’11 aprile (curatore ref. Silvia Filippi)
  • Pesaro, Palazzo Gradari  – via Rossini, dal 17 al 24 aprile (curatore ref. Leonarda Faggi)             INAUGURAZIONE LUNEDì 17, ORE 18
  • Siena, galleria “Casa della Città” di Palazzo Patrizi -via di Città, 75, dal  4 al 10 maggio (curatore ref.         Marco Pasqualin)
  • Genova, dal 18 maggio al 12 giugno (curatore ref. Aldo Celle)
  • Milano, Fabbrica del Vapore – Via Giulio Procaccini, 4, dal 16 al 25 giugno (curatore ref. Luca       Marchionni) 

    Date: 28 marzo– 25 giugno 2016  –    Ingresso Gratuito      

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>