Scomparso Gianfranco Sabbatini. La città ricorda lo stimato presidente della Fondazione Cassa di Risparmio

di 

13 aprile 2017

PESARO – E’ scomparso all’età di 84 anni Gianfranco Sabbatini. Una figura stimata e rispettata da tutto il territorio provinciale. Territorio e le sue istituzioni che in queste ore stanno testimoniando il proprio pensiero di vicinanza ad un uomo che ha dedicato la sua vita alla politica, alla cultura e alla crescita sociale della sua terra.

Lo ricorda così il presidente della Camera di Commercio pesarese Alberto Drudi: “Gianfranco Sabbatini ha amato profondamente la nostra terra e per essa si è sempre adoperato in tanti anni di attività – prima come Presidente della Cassa di Risparmio, poi come Presidente della Fondazione – affinché il sistema pesarese potesse ottenere tutto il sostegno necessario per crescere. Il suo personale impegno e la sua visione, soprattutto in favore dello sviluppo economico di questa provincia, hanno avuto un impatto positivo non solo sulle imprese, ma anche sui loro dipendenti e le loro famiglie. Alla famiglia esprimo le più sentite condoglianze”.

Cordoglio anche del presidente della Provincia Daniele Tagliolini, anche a nome del consiglio e dell’intera amministrazione provinciale, per la scomparsa di Gianfranco Sabbatini.

sabbatini“Nei molteplici ruoli ricoperti – dice Tagliolini – ha dato tanto alla cultura e al mondo del sociale, rappresentando un punto di riferimento non solo per Pesaro ma per l’intera provincia. E’ stato sempre vicino ai progetti sulla disabilità e sul sociale: gli asili, i centri diurni, le scuole, le piazze, tante opere distribuite su tutto il territorio che ci raccontano in maniera tangibile la sua grande umanità ed il suo rapporto vivo con la comunità provinciale. Era una persona unica, ci mancherà”.

Anche Il Circolo della Stampa di Pesaro si unisce al cordoglio per la scomparsa di Gianfranco Sabbatini, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro, Premio Circolo della Stampa 2007 (vedi foto a lato).

“La federazione provinciale del Partito democratico, assieme alla famiglia, agli amici e alla intera comunità provinciale, piange la scomparsa di Gianfranco Sabbatini – lo ricorda così il segretario provinciale Pd Giovanni Gostoli – 
Nel suo intenso e lungo impegno nella vita politica e sociale Gianfranco è riuscito da uomo “di parte” ad essere sopra le parti, apprezzato da tutti.
Lo vogliamo ricordare, come politico, come grande uomo di cultura ma soprattutto per l’impegno, spesso senza luce dei riflettori mediatici, che metteva nell’aiutare e nel risolvere le problematiche del nostro territorio. Ha dedicato la vita con umiltà e autorevolezza agli altri e alle istituzioni, con una profonda sensibilità per il mondo sociale e del volontariato della città di Pesaro e della provincia che ha sempre sostenuto con forza, passione e generosità
.”

Il cordoglio del presidente della Regione Marche ed ex sindaco di Pesaro, Luca Ceriscioli:

“La scomparsa di Gianfranco Sabbatini lascia un vuoto incolmabile per la comunità pesarese e marchigiana. Ai familiari va il nostro abbraccio e la nostra vicinanza. Un uomo di specchiata moralità e generosità che ha ricoperto importanti ruoli politici nazionali e regionali. È stato protagonista, insieme a Don Guadiamo, di una stagione straordinaria che ha visto nascere esperienze, luoghi della nostra comunità che ancora oggi sono operanti e presenti, continuando a dare il loro contributo alla vita sociale pesarese.  Fra le tante qualità, infatti, la sua profonda sensibilità sociale e umana lo ha guidato ad operare sempre in prima fila a servizio di chi aveva bisogno.

Personalmente perdo un amico sincero, un consigliere, un insegnante di vita, che si è contraddistinto per una condotta in politica come nel vissuto, che ha tenuto come unico riferimento l’interesse collettivo servito con alto spirito civico e passione. Una passione che per tutti noi resterà un esempio. Grazie Gianfranco”.

Articolo Uno – Movimento democratico e progressista Pesaro Urbino si unisce al cordoglio dell’intera Città per la scomparsa del compianto Presidente Gianfranco Sabbatini. 
Del Presidente vorremo ricordare in queste ore il prezioso e generoso contributo intellettuale, umano e politico, insieme all’impegno solidale sempre teso verso gli ultimi.
Alla moglie Giancarla e alla famiglia tutta esprimiamo la nostra più sentita vicinanza.

Cordoglio del sindaco Matteo Ricci: «Siamo profondamente addolorati. Perdiamo un autentico protagonista che si è speso senza risparmiarsi per lo sviluppo della città a tutto tondo. In campo culturale, sociale, politico, civile. Difficile descrivere l’eredità umana che ci lascia: è stato un faro per il territorio. Ascoltava tutti con attenzione, con grande generosità e intelligenza. Non lo dimenticheremo: siamo vicini alla famiglia in questo momento di dolore». Riposerà nella tomba degli illustri del cimitero centrale: domani la delibera in giunta.

Il ricordo dell’assessore comunale Antonello Dell Noci: Un cristiano, uomo di fede, di grande equilibrio politico e di grande spessore culturale e umano. Gianfranco, (“Presidente”, per tutti) è stato per me, che ho avuto la fortuna e l’onore di conoscere in questi ultimi suoi anni, una guida che ha sempre saputo consigliarmi la strada migliore da percorrere. Le sue esperienze, politiche e intellettuali, gli hanno permesso di contribuire a completare la conoscenza del suo e nostro territorio, motivandolo sempre più a un impegno rivolto al sociale, come dimostrato in qualità di presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro.Ci lascia un uomo illustre che credo debba avere il diritto di riposare al fianco degli altri uomini illustri che hanno reso Pesaro unica nei suoi valori. Con rinnovati stima, affetto e rispetto.

Il ricordo della senatrice pesarese Camilla Fabbri: “Oggi è un giorno di profondo dolore per tutta la nostra comunità perché possiamo affermare che da questo momento in poi saremo tutte e tutti più poveri politicamente, moralmente e umanamente. Lo dico senza retorica: la notizia della scomparsa di Gianfranco Sabbatini mi ha sconvolta e spezzato il cuore. Gianfranco è stato per tutti noi un riferimento politico di spessore, di valore, un padre nobile della politica, e non solo locale, con una spiccata attenzione e sensibilità per il mondo sociale. Per me è stato un riferimento e un pilastro anche affettivo, prima per il legame che aveva con mio padre e, poi, diventata adulta e soprattutto dopo la morte di papà, per il rapporto personale che abbiamo costruito. Non c’è stata decisione, in primo luogo politica e professionale, che non abbia condiviso con lui, cercando nella sua figura il giudizio saggio e il consiglio lucido espressioni della sua grande statura politica e umana. Anche l’esperienza avuta nel Consiglio generale e poi nel Cda della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro è stata sempre guidata e sostenuta dal lui che ne era il presidente. Gianfranco è stato tra le prime persone a salutarmi appena nata, è stato presente in tutta la mia vita come una stella polare. Non sarà facile accettare che non ci sia più”. 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>