Volley A2, i complimenti di Bertini a Filottrano promossa in A1. Pesaro ai playoff contro la vincente di Trento-San Giovanni in Marignano. Le FOTO di Baioni

di 

15 aprile 2017

Nicole Gamba in ricezione nell’esordio da libero titolare della myCicero

Nicole Gamba in ricezione nell’esordio da libero titolare della myCicero

MYCICERO VOLLEY PESARO – ENTU OLBIA 3-0
MYCICERO: Mastrodicasa 7 (5/10; 1 ace; 1 muro), Degradi 14 (11/27; 2 ace; 1 muro), Olivotto 6 (3/7; 2 ace; 1 muro), Gamba (L: ricezioni 11, errori 0, positiva 55%, perfetta 18%), Kiosi 14 (10/28; 2 ace; 2 muri), Di Iulio, Bussoli ne, Santini 10 (9/20; 1 muro), Pamio ne, Rimoldi 1 (1 ace), Tonello ne. All. Bertini; vice Burini
ENTU: Carraro (0/1), Bateman 1 (1/2), Formenti (L: ricezioni 9, errori 3, positiva 44%, perfetta 11%), Lotti 2 (2/21) Mabilo 1 (1/6), Maggipinto (L: ricezioni 14, errori 2, positiva 50%, perfetta 21%), Villani 5 (4/18; 1 muro), Tangini 4 (1/10; 1 ace; 2 muri), Whitaker 1 (1/3), Angelina 9 (9/30), Iannone 1 (1/2). All. Galli; vice Sinibaldi
ARBITRI: Laghi di Ravenna e Rossetti di Ancona
PARZIALI: 25-14; 25-11; 25-16 in 67 minuti
STATISTICHE DI SQUADRA: PESARO: Battute 74, errori 11, punti 8. Ricezioni 38, errori 1, positiva 66%, perfetta 29%. Attacchi 90, errori 4, muri subiti 3, punti 38; 42%. Muri fatti 6. Errori avversarie 23. Contrattacchi 56, errori 1, murati 3, 36%. OLBIA: Battute 42, errori 4, punti 1. Ricezioni 63, errori 8, positiva 51%, perfetta 14%. Attacchi 93, errori 12, muri subiti 6, punti 20; 22%. Muri fatti 3. Errori avversarie 17. Contrattacchi 45, murati 0, errori 9, 16%
NOTE: Spettatori circa 600. Premiate le squadre Under 18 e Under 16 del Volley Pesaro che hanno vinto il titolo provinciale

PESARO – Il punto croce, che stasera non è una tecnica di ricamo, condanna la myCicero ai playoff e lancia in A1 la Lardini Filottrano.

Il punto è quello che consente, come da pronostico, alla squadra di Bellano, che espugna Caserta, di chiudere al primo posto e festeggiare una storica promozione in A1, dove mai ha posato piede.

La croce è quella che porta la squadra di Bertini, alla quale non basta superare facilmente Olbia, arrivata a Pesaro un’ora prima della partita, provenendo da Venezia, dove era atterrato il volo partito in mattinata dall’aeroporto Costa Smeralda, perché a fare la differenza nell’infinito derby marchigiano è quello che sembra un punticino striminzito, ma è un piccolo grandissimo punto che vale la festa della Lardini. Dopo due quaresime, la Pasqua.

Finisce come si preventivava da quando la myCicero perdeva a Trento e Filottrano s’imponeva al tie-break a Chieri, guadagnando così 9 lunghezze di vantaggio: 51 a 42. Da allora, Pesaro è stata bravissima a recuperare 8 punti alla capolista, fino ad arrivare a meno 1 vincendo – in trasferta – il derby marchigiano. Non è bastato e allora complimenti alla Lardini per la sua promozione, meritata, meritatissima, se è vero che è stata in testa alla classifica dall’ottava giornata d’andata, quando Legnano espugnò il PalaCampanara.

Complimenti e applausi anche alla myCicero, che adesso proverà a conquistare la serie A1 con i playoff, dove l’attende – in semifinale – la vincente della sfida tra Trento e San Giovanni in Marignano, che saranno in campo già martedì. Esordio delle pesaresi il 25 aprile. Dieci giorni a disposizione delle colibrì per recuperare Alessia Ghilardi (ma Nicole Gamba non l’ha fatta rimpiangere) e conservare una condizione eccellente.

PRIMO SET: un set senza storia: Olbia avanti 1-2, pareggia Olivotto (primo tempo) che poi va al servizio che spezza definitivamente l’equilibrio: 8-2. Perché è vero che Olbia torna a meno 4 (12-8 e ancora 14-10), ma un 4-0 interno spinge la fuga delle colibrì che si portano sul 24-13. Olbia, anzi una battuta sbagliata pesarese, cancella la prima palla set, ma le ospiti falliscono l’attacco successivo e il parziale va in archivio 25-14 in 23 minuti. L’unico brivido, con Ghilardi – infortunata – a guardare dalla panchina e Gamba in campo, lo procura un scontro fortuito tra Mastrodicasa e Di Iulio, con la palleggiatrice abruzzese che – dolorante – deve lasciare il posto a Rimoldi. Dominio assoluto di Pesaro, malgrado una ricezione non felicissima (57% positiva e 21% perfetta): 41% in attacco (a 21%), 4 ace a zero e 2 muri a 1. Kiosi 5, 4 Degradi e Santini, 3 Olivotto; 3 Angelina.

SECONDO SET: al cambio di campo, baciamano di Mastrodicasa a Di Iulio. Pesaro riparte come aveva terminato, portandosi prima 5-1 poi 12-5, quindi 14-6, quando Galli deve fermare il gioco. Pesaro allunga – errore ospite – dopo un recupero da applausi di Rimoldi e le buone difese di Gamba. Arriva – come in precedenza per Olbia – un punto su freeball di Santini. Degradi è scatenata: ace per il 17-7. Una contesa vinta da Mastrodicasa fissa il più 11: 20-9. E Galli ferma ancora il gioco. Ma Degradi è addirittura prepotente nelle sue schiacciate, mentre Olbia sbaglia troppo: 23-10. Galli avvicenda Carraro con Bateman. Un omaggio di Laghi vede palla lunga, ma era dentro, e Pesaro ha 14 palle set. Annullata la prima, non la seconda: gran fast di Mastrodicasa: 25-11 in 20 minuti. 3 muri a zero e 1.

TERZO SET: Olbia si affida ancora alla seconda palleggiatrice Bateman. Mabilo, al posto di Whitaker, porta per la terza volta in vantaggio le ospiti. Arriva anche un murone di Villani su Kiosi. Olbia fa meglio, Pesaro meno bene ed è 3-6. Bertini interviene subito spendendo il primo time-out della serata ed è 5-6. Ma basta un altro errore, seguito dall’ace fortunoso di Tangini, che il tabellone racconta un set diverso: 5-9. Due attacchi di Kiosi e un ace di Mastrodicasa accorciano le distanze e nello stesso istante in cui Degradi mura la fast di Mabilo per il 10 pari, da Caserta arriva la notizia che Filottrano conduce 2 set a zero ed è a un passo dalla promozione diretta in A1. A Pesaro si prosegue a braccetto, anche se Santini sorpassa (14-13). Laghi vede una fast fuori di Mastrodicasa, ma Rossetti, suo secondo, lo corregge ed è 15-13. Ace di Kiosi (16-13) e time-out di Galli. Olbia è di nuovo in difficoltà e Tangini manda fuori un primo tempo: 17-13. L’opposto ellenico serve in… rete, ma non si ferma l’onda pesarese: 20-14, dopo un parziale di 15-5. Galli interrompe ancora il gioco. Angelina toglie il servizio a Santini, ma Olbia non trova il guizzo per riaprire il set e un attacco in mani fuori di Degradi segna il 24-16. Arriva l’ace di Rimoldi, che nobilita ulteriormente la bella prova della regista pavese, come ottima è stata la gara di Nicole Gamba. La stagione regolare della myCicero va in archivio: 25-16 in 24 minuti e 3-0 finale. Ora si pensa ai playoff. Non sarà impegno agevole, ma i numeri del campionato raccontano che… “Ora possiamo dirlo: il nostro obiettivo è vincerli” commenta Matteo Bertini.

Bertini: “Lardini più continua, promozione meritata”

L’allenatore pesarese non pensa al punto che ha separato la sua squadra dalla neopromossa Lardini, anzi… “Complimenti a Filottrano, perché ha guadagnato tanto vantaggio e sfruttato la possibilità di conquistare la promozione diretta, al termine di una partita comandata dall’inizio alla fine. Il loro merito è essere state più continue in tutta la stagione. Non si può non riconoscerglielo”.

Un punto di differenza che significa la promozione per la Lardini, i playoff per voi.

“Pensiamo ai playoff da tempo. La nostra esultanza dopo la vittoria nel derby non riguardava tanto il campionato quanto un discorso interno alla nostra squadra, perché volevamo ritrovarci come gruppo. Credo che anche oggi si sia vista una bella unità d’intenti. Chi è chiamata in causa si fa trovare pronta e dà un importante contributo: oggi Nicole Gamba e Rebecca Rimoldi sono state grandiose. Sono orgoglioso di loro perché lavorano tanto e in silenzio. Hanno colto l’opportunità di giocare, come già altre volte. Nicole era all’esordio da libero titolare e ha mostrato personalità e belle giocate dal punto di vista tecnico”.

Di Iulio: “Un colpo al collo, quasi un colpo di frusta”

Rebecca Rimoldi è stata molto brava, entrando a freddo al posto di Isabella Di Iulio. A proposito: cosa è successo alla palleggiatrice abruzzese?

“Un colpo al collo, una sorta di colpo di frusta. Ho tirato indietro il collo e forse ci siamo colpite con Federica Mastrodicasa…”.

Le ha fatto anche un baciamano…

“Sono cose che capitano…”.

Gli altri risultati:

VolAlto Caserta – Lardini Filottrano 0-3
Volley Soverato – Battistelli San Giovanni in Marignano 3-0
Fenera Chieri – Delta Informatica Trentino 1-3
Sab Grima Legnano – Golem Software Palmi 3-1
Millenium Brescia – Lpm Bam 3-2
Omia Cisterna – Lilliput Settimo Torinese 0-3

La classifica al termine della stagione regolare:

Filottrano 65
PESARO 64
Legnano 53
Soverato 47
Trento 45
San Giovanni in M. 40
Brescia 39
Chieri, Settimo Torinese e Palmi 37
Olbia 28
Caserta 24 (1 punto di penalizzazione)
Mondovì 19
Cisterna 10

Quarti di finale playoff:
Soverato – Brescia e Trento – San Giovanni in Marignano. Gara 1 il 18, gara 2 il 21, eventuale gara 3 il 23 aprile.

Mondovì e Cisterna retrocesse in A2

LE FOTO DI FILIPPO BAIONI

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>