Volley A2 playoff, Matteo Bertini e le ragazze della myCicero attendono Trento: “Una squadra di grande qualità, ma noi siamo pronte”

di 

24 aprile 2017

La Delta Informatica Trentino, una squadra che ha superato tanti infortuni (Foto ufficio stampa)

La Delta Informatica Trentino, una squadra che ha superato tanti infortuni (Foto ufficio stampa)

PESARO – Matteo Bertini, allenatore della myCicero che attende di affrontare le trentine, era convinto che in gara 3 avrebbe vinto la Delta. Ce lo aveva confidato già venerdì sera uscendo dal palazzetto dello sport di San Giovanni in Marignano.

“Le abbiamo viste all’opera venerdì, quando hanno dimostrato che, alzando il livello di gioco, si vedeva la differenza. Erano state brave a reagire nel migliore dei modi ai momenti difficili, soprattutto a inizio del terzo set, meritando di vincere. In verità, nel confronto con la Battistelli, la vera sorpresa, una grande sorpresa, è stata in gara 1, quando San Giovanni ha vinto – meritatamente – a Trento. Ma le romagnole non hanno chiuso il discorso in gara 2 e la Delta Informatica ha dimostrato di averne di più, anche a livello mentale”.

Se c’è una squadra che può lamentarsi della sfortuna, questa è sicuramente quella trentina, che ha avuto una stagione piena di infortuni, però è in semifinale, con grande merito e tanta qualità.
“Lo abbiamo imparato a nostre spese. Quando abbiamo giocato a Trento, loro hanno disputato una grandissima partita, eppure erano in un momento di enorme difficoltà avendo perso da poco Michieletto, infortunata, e non avevano più Nomikou (passata alla Lpm Mondovì; ndr). Da quel momento hanno iniziato a lavorare sul sestetto che utilizzano adesso (Moncada in regia, Aricò opposta; al centro Fondriest e Rebora; a schiacciare e ricevere Kijakova e Coppi; libero Zardo; ndr) e allora ci sorprese per la qualità in tutti i fondamentali. La Delta Informatica Trentino è una squadra che, nonostante gli infortuni, è riuscita mantenere un livello molto alto e nella fase finale della stagione, malgrado gli infortuni, ha ottenuto risultati eccellenti. Non ultimo recuperare dopo uno 0-3 in casa e passare il turno vincendo in trasferta. Una grande impresa. Ci troveremo di fronte una squadra che sarà molto carica a livello mentale. Ci attende una sfida difficile a iniziare da gara 1, martedì in casa”.

Avendo giocato tre partite in cinque giorni, Trento ha un vantaggio e uno svantaggio: è già pronta, mentre voi non scendete in campo da dieci giorni, ma forse affaticata, fisicamente e mentalmente.
“Loro hanno già il ritmo partita, ma non possono non essere stanche sia fisicamente sia mentalmente. Noi ci siamo allenate bene e ci presenteremo al massimo, perché recupereremo Alessia Ghilardi, che contiamo di schierare. L’avvicinamento a gara 1 della semifinale procede come intendevamo procedesse, con tanta concentrazione e begli allenamenti”.

Lunedì 24 aprile diventa un… sabato.
“Sì, abbiamo organizzato la settimana di lavoro come se martedì (si gioca alle ore 17 nel PalaCampanara; ndr) fosse domenica. Ci alleneremo lunedì pomeriggio e martedì mattina effettueremo la solita rifinitura”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>