Volley A2 playoff – Alessia Ghilardi, il ritorno: “Ho ritrovato una myCicero più pimpante di come l’avevo lasciata”

di 

27 aprile 2017

La myCicero in festa dopo gara 1: Alessia Ghilardi (maglia numero 4) fa i complimenti alle compagne di squadra

La myCicero in festa dopo gara 1: Alessia Ghilardi (maglia numero 4) fa i complimenti alle compagne di squadra

PESARO – C’era tensione più fuori che dentro la squadra. Una tensione che si è sciolta vedendo all’opera le ragazze di Matteo Bertini, a incominciare da Alessia Ghilardi, assente dalla sera del 9 aprile, quando la myCicero espugnò Osimo, campo di gioco della Lardini. Un infortunio ai flessori della gamba sinistra l’aveva esclusa dall’ultima giornata della stagione regolare, contro Olbia. A fine gara 1 con Trento, il libero che la serie A1 l’ha conquistata con Ornavasso, era raggiante.

“Sto bene”.

L’abbiamo visto dalle sue giocate, ma durante i time-out, notando che il fisioterapista Gabriele Palucci era impegnatissimo con i suoi flessori, ci siamo preoccupati per lei.
“Era solo una scaramanzia… Tutto bene, la gamba ha risposto positivamente e sono contenta. Non giocavo da un paio di settimane, dopo l’infortunio a Osimo, ma non avevo timori per una ricaduta, avendo ricevuto tutte le rassicurazioni dal chi mi ha seguito con grande attenzione. Non avrei mai rischiato se ci fosse stato il dubbio di una ricaduta. L’unica preoccupazione era di ritrovare i ritmi del gioco. Devo dire che le mie compagne sono state molto brave e mi hanno aiutato giocando una grandissima partita. Una grande prova di squadra, perché ognuna ha giocato per le altre… Voglio fare loro i miei complimenti. Le ho lasciate dopo una grande prestazione, le ho ritrovate più pimpanti, più energiche”.

Avete giocato veramente bene, contro una bella squadra, che alla fine ha accusato anche il doloroso infortunio di Elisa Moncada.
“Davvero! Siamo state ordinate, pulite, mettendo in campo il lavoro di due settimane in cui ci siamo focalizzate su certi aspetti del gioco. E credo che i risultati si siano visti”.

Una vittoria così esaltante può dare un po’ di ebbrezza, ma l’esperienza di Alessia Ghilardi è meglio di un… etilometro.
“Abbiamo vinto e siamo contente, anche per avere regalato un bel compleanno al nostro allenatore Matteo Bertini, ma adesso c’è da pensare alla prossima partita: ci siamo godute il giorno di riposo e poi di nuovo a lavorare con in testa ben chiaro che nei playoff si guarda a una gara alla volta, consapevoli che la sfida che ci attende domenica sarà un’altra partita”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>