Bilancio, Ricci: «Tanti lavori pubblici con 38 milioni di avanzo, gestione più che virtuosa»

di 

28 aprile 2017

100 Giornidi governo della città: Ricci parla, Delle Noci ascoltaPESARO – «Nonostante l’aumento enorme degli investimenti, chiudiamo il consuntivo con 38 milioni di avanzo. Si fanno quindi tanti lavori pubblici, con un bilancio più che virtuoso». Così Matteo Ricci sul rendiconto di gestione dell’esercizio finanziario 2016,  intervenendo sull’approvazione in consiglio comunale.

Ribadisce il sindaco:  «Fino a due anni fa potevamo solo evidenziare il virtuosismo sul bilancio, con effetti limitati sui lavori pubblici dal patto di stabilità. Le nuove regole, che abbiamo contribuito a scrivere nella trattativa con il governo, ci consentono di mantenere ancora il bilancio fortemente virtuoso. Mettendo però mano, contestualmente, a un impegno pluriennale sui lavori pubblici. Che mese dopo mese, e anno dopo anno, saranno portati avanti». Anche con una variazione «al previsionale, che apporteremo nel mese di maggio, garantita da questo consuntivo. Perché una parte dell’avanzo verrà applicata lì, rafforzando il piano degli investimenti. Nel tour dei quartieri abbiamo raccolto le priorità: la ricollocazione di parte dell’avanzo nel bilancio di previsione 2017 ci consentirà di programmare ancora sul triennio 2017-19, con risorse chiare e definite».

In parallelo Ricci conferma la linea sulla ricerca dei fondi extra-comunali: «Stiamo continuando a intercettare risorse da fuori: è un tema fondamentale perché, con le nuove regole, ciò che entra può uscire. Avanti con l’impegno su bandi regionali, nazionali, europei (l’ultimo vinto sulla piccola pesca per il porto, con 720mila euro in arrivo, ndr). In più, nelle poche varianti urbanistiche che faremo, ci concentreremo sulla valorizzazione dei beni del Comune. Prima si fa quello, poi il resto. Ci sarà un lavoro più importante sul patrimonio rispetto al passato». Ancora: «Il 2017 sarà un anno distintivo su centro storiche e scuole. Abbiamo finanziato il nuovo edificio scolastico in via Lamarmora, mettendo anche i tre milioni fuori dal saldo di competenza. Così potremo fare altri investimenti».

Non solo: «Ci sono buone possibilità che il Gse (attraverso gli incentivi del Conto termico sull’efficientamento energetico, ndr), finanzi l’intervento fino al 65 per cento. Siamo uno dei primi Comuni a trattare: a quel punto potremo avere da subito anche i fondi per fare la palestra. Funzionale alla scuola e alla città». Sulla parte corrente: «Era la più difficile da gestire: c’è stata un po’ di sofferenza su organizzazione e personale. Ma con alcune operazioni fatte abbiamo salvaguardato il welfare, aumentando la spesa sulla voce. E abbiamo investito su cultura e servizi educativi. Le previsioni fatte sulla parte corrente – conclude – sono tornate: è il frutto di un grande lavoro di squadra, coordinato dall’assessore Antonello Delle Noci».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>