Volley A2 playoff, Bertini aspetta più qualità nel gioco di Trento: “Alle ragazze chiedo di essere brave e pazienti”

di 

29 aprile 2017

Un attacco di Alice Degradi contro il muro  a 2 di Coppi e Rebora (Foto di Fermino Fraternali dalla pagina Facebook del Volley Pesaro)

Un attacco di Alice Degradi contro il muro  a 2 di Coppi e Rebora (Foto di Fermino Fraternali dalla pagina Facebook del Volley Pesaro)

PESARO – A Trento, con l’obiettivo di chiudere il conto, senza dimenticare i precedenti con la Delta Informatica Trentino, ma anche le notevoli qualità che la squadra allenata da Ivan Iosi ha dimostrato nei quarti di finale con la Battistelli San Giovanni in Marignano, come pure nella gara di ritorno con la myCicero, vinta in rimonta evidenziando momenti di grande gioco, culminati con il 14-0 che chiuse il quarto set e la partita (3-1).

Coach Iosi ha sottolineato che “Nei momenti di difficoltà, che quest’anno purtroppo non sono stati pochi, la squadra ha sempre saputo stringersi a riccio e gettare il cuore oltre l’ostacolo: speriamo sia così anche questa volta, pur con la consapevolezza che andremo ad affrontare una grande squadra”. Parole corroborate dai fatti: basti ricordare che nell’ultima giornata della stagione regolare, senza Aricò e Kijakova, le due attaccanti più prolifiche, Trento ha espugnato Chieri, estromettendola dai playoff.

Una grande myCicero ha dominato gara 1, facendo meglio in tutti i fondamentali, togliendo alla Delta Informatica l’attacco delle centrali e le schiacciate di Kijakova e Coppi. Cosa può fare Trento per provare a cambiare la semifinale, che cosa s’attende l’allenatore pesarese Matteo Bertini?

“Che mettano più qualità nel loro gioco, che è stato sicuramente penalizzato dalle tre gare in pochi giorni giocate con la Battistelli. Sfide decisive, perché iniziate con una sconfitta casalinga. C’è un aspetto che non sottovalutiamo, anzi: dopo avere perso (0-3) gara 1, le trentine hanno ripreso a giocare la loro pallavolo, senza demoralizzarsi. Credo che domenica proveranno a rischiare il tutto per tutto per riaprire la serie. Lo hanno fatto già con San Giovanni in Marignano. Lo sappiamo e dobbiamo andare a Trento pronte a giocare un altro tipo di partita, contro una squadra che difende tantissimo, come ha dimostrato nella stagione regolare, quando ci creò tanti problemi. Chiedo alle ragazze di essere brave e pazienti”.

Detto che, stando alle ultime informazioni arrivate dal Trentino, dovrebbe essere in campo, cosa potrebbe cambiare un’eventuale assenza di Moncada?
“Non abbiamo alcuna certezza a tal proposito. Solo quando scenderemo in campo sapremo se giocherà. Per loro sarebbe un’assenza pesante, perché – come ho detto più volte – Elisa è una delle palleggiatrici più forti della serie A2; lo ha dimostrato tante volte, non solo quest’anno. Detto questo, per come vogliamo interpretare la partita, la sua assenza deve cambiare poco. Come in gara 1, dobbiamo giocare aggressive e pensare alla qualità del nostro gioco, in un confronto che s’annuncia molto difficile in un campo in cui hanno perso in tanti, a incominciare da noi e Filottrano”.

Sfida in diretta streaming, trasferta in automobile per i Balusch

Sembra che i problemi paventati alla vigilia siano stati risolti e non dovrebbe mancare sia la diretta video in streaming nel sito di Radio Incontro, sia la cronaca in voce. Al seguito della myCicero una ventina di Balusch che, non avendo reperito un pullman, andranno a Trento con le auto private. Un paio di loro, Carlo e Mauro, sono andati anche in Umbria, dove (oggi, ore 18) è in programma il derby tra la Tuum Perugia e la Zambelli Orvieto allenata dal pesarese Bibo Solforati che schiera l’ex myCicero Elisa Mezzasoma. In caso di vittoria, la Zambelli sarebbe promossa in A2. Grande sfida anche a Moie, dove l’Ecoenergy 04 di Sara Zannini e Claudia Di Marino riceve la Conad Ravenna di Diletta Sestini, con le romagnole staccate di 3 lunghezza da Orvieto. Al terzo posto, a 4 lunghezze, la Cmc Ravenna di Francesca Babbi che ospita San Lazzaro, quarta con Perugia a 5 punti dalla capolista. Anche nel girone C di serie B1 la lotta per la promozione e i playoff è avvincente.

Legnano vuole chiude il conto, Soverato punta a riaprirlo

S’annuncia avvincente anche l’altra semifinale dei playoff di A2 tra Soverato e Legnano. In Calabria si gioca gara 2 con la squadra di casa che vuole conquistare la terza partita. Gara 1 è stata vinta dalla Sab Grima allenata da Andrea Pistola. “Vogliamo vincere per continuare a giocarci l’accesso alla finale – commenta Giorgia Caforio, libero calabrese -. A Legnano potevamo fare meglio, ma abbiamo dimostrato che tra noi e loro non c’è differenza in campo”. Un’impressione confermata da Andrea Pistola: “La gara di martedì ha dimostrato ancora una volta che tra le due squadre c’è pochissimo divario e dunque non possiamo permetterci di abbassare la guardia, anzi se possibile dobbiamo migliorarci per chiudere subito la serie”.

A dirigere le partite di Trento e Soverato sono stati designati – rispettivamente – Maurizio Nicolazzo di Catanzaro e Nicola Traversa di Bari e Sergio Pecoraro di Palermo e Fabio Scarfò di Reggio Calabria.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>