Volley A2, la finale. Andrea Pistola e la Sab Grima Legnano: “L’appetito vien mangiando e noi abbiamo ancora fame”

di 

5 maggio 2017

Andrea Pistola, coach marchigiano della Sab Grima (pagina Facebook)

Andrea Pistola, coach marchigiano della Sab Grima (pagina Facebook)

PESARO – Mancano 48 ore a gara 1 della finale playoff che assegnerà la seconda promozione in serie A1, dopo quella conquistata da Filottrano che ha vinto la stagione regolare. Pesaro contro Legnano, myCicero contro Sab Grima, con una certezza: in ogni caso, vincerà un allenatore marchigiano, l’ennesima conferma della bontà di una scuola che vede Davide Mazzanti alla guida della Nazionale femminile, Angelo Lorenzetti sulla panchina di Trento finalista nel campionato maschile e, appunto, Matteo Bertini, marottese, e Andrea Pistola, di Montemarciano, giocarsi la promozione in A1.

“E’ una peculiarità riconosciuta – commenta Andrea Pistola, ex coach pesarese, marchigiano di Montemarciano -. I risultati parlano a favore di una realtà e noi siamo contenti di portare in alto la pallavolo marchigiana, la nostra regione”. Uno dei due sarà sicuramente felice, dopo la finale.

Chi arriva a disputare la finale dei playoff lo fa con pieno merito. Quest’anno anche di più vista la stagione di Legnano, la bellissima sorpresa dell’A2, e Pesaro, che ha confermato i pronostici della scorsa estate che la volevano grande protagonista. Presumo che a questo punto, giustamente, Legnano non s’accontenti del ruolo di sorpresa.

“Quando si arriva in finale non ci si può accontentare. Proveremo a fare la nostra partita, dando il massimo per ottenere di più. Abbiamo fatto un percorso tanto bello che ci piacerebbe completare coronandolo con qualcosa che rimanga. E poiché l’appetito vien mangiando, noi abbiamo ancora fame”.

Che cosa le piace della myCicero?

“E’ una squadra costruita per vincere il campionato, ricca d’esperienza e qualità tecnica, d’assoluto valore per la categoria. Nel suo bagaglio tante cose importanti e almeno sulla carta senza punti deboli”.

Cosa toglierebbe alla squadra di Matteo Bertini?

“Niente, perché penso che, se si è arrivati qui, entrambe le squadre hanno evidenziato, ognuna con le proprie caratteristiche, tante cose positive. Ci sono aspetti del gioco che Pesaro fa meglio di noi, che magari ne facciamo meglio altre. Credo sia riduttivo toglierne solo una, anche perché molto dipenderà da come saranno giocate le partite. Magari emergeranno aspetti che finora non si sono visti o non sono stati fra i più importanti evidenziati dalle due squadre e invece cambieranno volto alla sfida e decideranno la finale”.

Quali potrebbero essere i temi tecnico-tattici della finale?

La magnifica Sab Grima Legnano allenata da Andrea Pistola

La magnifica Sab Grima Legnano allenata da Andrea Pistola

“Nelle partite che abbiamo giocato finora, Pesaro ha dimostrato di potere contare sulle sue caratteristiche più importanti, anche eclatanti: una buona battuta e una buona correlazione muro-difesa, ma anche due centrali che vengono chiamate molto in causa”.

Nelle interviste fatte direttamente o lette ho notato un grande reciproco rispetto.

“Quando si arriva a una finale che rispecchia i valori evidenziati dalla stagione regolare, non può non esserci rispetto reciproco. Si affrontano due squadre che durante tutta la stagione hanno dimostrato di meritare questo palcoscenico”.

A dirigere gara 1 sono stati designati gli arbitri Maurizio De Simeis di Lecce e Maurizio Merli di Terni. Per gara 2, mercoledì 10 el PalaBorsani di Castellanza, Roberto Guarneri di Messina e Christian Palumbo di Cosenza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>