Volley, la myCicero in festa tra canti e balli: grandi protagonisti Eleni Kiosi e Gabriele Palucci e la sorpresa ai marottesi

di 

11 maggio 2017

La festa della myCicero

La festa della myCicero

MOZZATE (Como) – Arrivano le pizze, non mancano le bibite, è grande la voglia di fare festa. La pizzeria di Mozzate scelta dalla famiglia di Rebecca Rimoldi, che festeggia la seconda promozione in due anni (la scorsa stagione era in forza alla Saugella Monza), accoglie fra gli applausi la presidente Barbara Rossi, le dodici colibrì, lo staff tecnico, i due fisioterapisti e chi ha collaborato a una stagione vincente.

Tra una pizza e l’altra, le ragazze cantano e ballano. Sono felici e giustamente scatenate. Coinvolgono, o cercano di coinvolgere tutti. Mi è sembrato di vedere ballare anche Barbara Rossi, ma lei smentisce decisamente: “Ero andata in bagno”.

Gabriele Palucci, straordinario conoscente della mia spalla sinistra distrutta in un incidente, mi mostra un lato che non conoscevo. Prima – invitato, anzi obbligato dalle ragazze – accenna a un “Io, vagabondo che son io…”, la canzone resa famosa dai Nomadi e dalla voce indimenticabile di Augusto Daolio. Poi canta e balla, solitario tra le dodici, mentre scattano gli applausi.

A guidare il gruppo è Eleni Kiosi, che trasforma un locale pubblico lombardo in un angolo della sua Macedonia, coinvolge le compagne in un ballo greco. Per un attimo mi sembra di tornare indietro nel tempo, alle trasferte di 30 anni fa con la Scavolini Basket a Salonicco, alle serate all’Akrohama, il bouzouki allora più famoso di Thessaloniki, dove la gente ballava sui tavoli e cantava canzoni dedicate alla propria splendida città, ma anche alle squadre di basket, fossero l’Aris o il Paok.

Improvvisamente, spunta un volto noto, Davide Mazzanti. Non è e non può essere una sorpresa: come ha scritto pu24.it, il nuovo ct azzurro è grandissimo amico di Matteo Bertini, Andrea Burini e Simone Mencaccini. Non poteva non abbracciare gli amici con i quali è cresciuto pallavolisticamente. Matteo e Andrea sono emozionati, quasi in lacrime. Una scena bellissima, mentre la musica continua a riempire la grande sala di Stuzzicando, pizzeria & griglieria a Mozzate. E anche l’allenatore finisce in pista, trascinato da Alessia Ghilardi.

Poi gli immancabili Queen e la voce di Freddie Mercury… “We are the champions”. Alzi la mano chi non l’ha cantata almeno una volta celebrando una vittoria, propria o della squadra del cuore.

Tenera è la notte e l’ironia non manca, se Luca Nico, terzo allenatore e scoutman, replica subito quando, salutandolo, gli dico che ormai è entrato a fare parte del Clan dei marottesi… “Io? Semmai faccio parte del Clan dei baresi”. Inimitabile.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>