Danni indiretti da terremoto, Varotti sconcertato con Urbinati (Pd) contrario al riconoscimento per Pesaro e provincia

di 

15 maggio 2017

Amerigo Varotti stamane a Urbino

Amerigo Varotti

Amerigo Varotti*

PESARO – Incomprensibile polemica. Ho letto con estremo dispiacere e disappunto la nota di Fabio Urbinati, vicecapogruppo del PD in Consiglio regionale, in merito all’emendamento Fabbri-Marchetti sul riconoscimento, anche per la provincia di Pesaro e Urbino, del danno indiretto causato dal terremoto alle imprese turistiche ed ai pubblici esercizi.
Ho chiamato immediatamente Urbinati per rappresentargli lo sconcerto della Confcommercio visto che è stata proprio la nostra associazione a sollecitare l’intervento dei due parlamentari pesaresi. Intervento volto ad eliminare una palese ingiustizia e cioè l’esclusione delle sole imprese della provincia di Pesaro e Urbino dai contributi previsti per il riconoscimento del danno indirette causato dal TERREMOTO NELLE MARCHE.
Non si intende togliere nulla a chi ha subito e subisce ancora il dramma del terremoto. Ma non v’è alcun dubbio che per le imprese turistiche, anche della nostra provincia, il danno del TERREMOTO NELLE MARCHE (no ad Ascoli Piceno o Macerata o Fermo, ma NELLE MARCHE) è stato elevato con cali di fatturato e presenze. E non si comprende perché solo la nostra provincia sia esclusa nelle Marche mentre ad esempio c’è l’intera Regione Umbria.
Non vorremmo che questa polemica – tutta interna al PD – sia dovuta ad altre motivazioni e che possa impedire l’accoglimento dell’istanza.
*Direttore Generale Confcommercio Pesaro e Urbino

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>