Notte dei Musei 2017, i musei di Pesaro si aprono sotto le stelle

di 

16 maggio 2017

PESARO – Sabato 20 maggio torna l’apertura notturna dei musei che nelle Marche fa parte del ricco programma ‘Grand Tour Musei’ e include anche la Giornata Internazionale Icom  (giovedì 18 maggio). A Pesaro un ricco pacchetto tra la mostra ‘Rinascimento segreto’ a Palazzo Mosca nel cuore del centro e i percorsi culturali a Novilara e Candelara.

Pesaro è una città di cultura e per il weekend venerdì 19-domenica 21 maggio arriva un pacchetto ricco di offerte, tutte nel segno dei musei tra il centro storico della città e i borghi delle colline.

Ai Musei Civici di Palazzo Mosca, aperture straordinarie, visite e laboratori per grandi e piccoli alla mostra “Rinascimento segreto’ – tra Urbino, Pesaro e Fano -, alla scoperta di un patrimonio artistico quasi sconosciuto che documenta mirabilmente il Rinascimento del territorio. Una proposta perfettamente in linea con il tema del Grand Tour Musei 2017 promosso dalla Regione Marche: “Raccontare l’indicibile nei musei: bagagli di rinascita”. Giovedì 18 maggio (ore 18), per la Giornata Internazionale dei Musei intitolata “Musei e storie controverse: raccontare l’indicibile nei musei”, un itinerario tematico che ha come focus la mostra in rapporto alle collezioni civiche. Si parte dall’Incoronazione della Vergine di Bellini e si finisce con un’incursione nella maiolica rinascimentale della collezione permanente (€ 4 a persona). Sabato 20 maggio per la Notte dei Musei, apertura notturna di Palazzo Mosca-Musei Civici e Casa Rossini con orario 10-13 e 15.30-24. A Palazzo Mosca alle 18 visita guidata alla mostra (compresa nel biglietto di mostra) e alle 22 incontro “Chi era Giovanni Bellini?” per ragazzi e adulti, per conversare attorno ad un tavolo imbandito sul pittore veneziano e sul suo stile (dai 10 anni € 4 a persona).

Sabato 20 maggio, visite guidate anche alla sedi di Urbino (Palazzo Ducale-Sale del Castellare) e di Fano (Museo Archeologico e Pinacoteca del Palazzo Malatestiano, Sala Morganti) alle 21.30 e alle 23 (comprese nel biglietto di mostra) e apertura straordinaria: Urbino (10-24) e Fano (10-13 e 16–24).

Domenica 21 maggio ore 16.30 a Palazzo Mosca, attività didattica “Punti di vista e punti di fuga… non si scappa!”. Analizzando la prospettiva si scoprirà il rapporto tra arte e scienza e, soprattutto tra arte e matematica (dai 5 ai 10 anni € 4 a persona). Info 0721 387541. Il Grand Tour Musei è un’iniziativa promossa da Regione Marche P. F. Beni e attività culturali e Coordinamento regionale Marche di ICOM Italia, in collaborazione con: Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Polo Museale delle Marche.

Alla Notte dei Musei partecipa anche il borgo di Novilara con un programma per sabato 20 maggio, promosso dal Quartiere 3 – Delle Colline e dei Castelli in collaborazione con le associazione culturali l’Anfora, la Stele, Teatro dei Bottoni, Etra. Entra nell’arte. Il patrimonio di Novilara è legato al Museo delle colline, che è anche Centro di documentazione archeologica ma l’intero borgo è un museo diffuso tra mura, case, reperti e sentieri di campagna che costituiscono una testimonianza del passato piceno del territorio. Il tema scelto lega Novilara alla Romagna: La via dell’ambra: Da Verucchio a Novilara. Su questo legame si dipanano due iniziative di sabato 20 maggio: alle 21.30 un percorso teatrale a cura del Teatro dei Bottoni in cui gli attori guidano il pubblico nel borgo seguendo le vicissitudini di una donna picena: il percorso parte dal Museo delle Colline (ex scuole) e si conclude con una suggestione sonora nell’anfiteatro del borgo. Subito dopo un incontro dal titolo “La via dell’ambra e Novilara” a cura dell’archeologo Fabio Fazzini. A seguire, archeocena con prenotazione obbligatoria (339 3707313, 340 6722570). Alle 18 prima di cena, l’associazione etra propone invece una visita animata gratuita al Museo delle colline. Allestito da Roberto Vecchiarelli, propone uno sguardo ampio ad una serie di “reperti”: quelli antichi perlopiù piceni e tutte le tracce presenti. Tutti insieme diventano “reperti” di una o più narrazioni, seguendo un esempio d’eccellenza: quello di Michele Provinciali, vissuto proprio nella casa alle spalle del Museo delle colline. Il paesaggio del Castello di Novilara viene dunque ‘letto’ attraverso una pluralità di sguardi: quello del piceno intagliatore di steli in arenaria, quello poetico di Mingucci e Liverani, quello dell’archeologo o quello letterario. Il percorso può essere condotto da Mervat Alramli oppure in autonomia, seguendolo sul proprio smartphone collegandosi a www.almaloci.com.

Conclude il pacchetto della Notte dei Musei, la proposta della Pro Loco di Candelara con l’evento ‘Sorsi di vino e arte”. Sabato 20 maggio dalle 20, nel giardino dell’ex-chiesa di San Francesco, il ristorante la “Grotta delle Candele” propone un aperitivo con degustazione di vini a cura di “Connubio di Vino” e musiche celtiche dal vivo con il “Flynn irish duo”: costo 15,00€ a persona, prenotazione obbligatoria: lorenzo@candelara.com, 333 3866081. Alle 21.30, nella sala del Capitano, inaugura la mostra collettiva di incisione dell’associazione “AIIA: Accademia Internazionale Incisione Artistica “prof. Walter Bajocchi””, dedicata al mondo del vino. Alle 22 una conferenza del professor Nino Finauri “Arte e malinconia: la sconfitta della noia. Sabato 20 maggio, dalle 17 alle 19.30, si potrà anche visitare il “PAC: Museo Arte Tessile, ricamo, taglio e cucito in via della Pieve, 5.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>