Tagliolini: “Dopo 800 giorni di attesa è ora che la Regione paghi servizi e stipendi ai dipendenti”

di 

24 maggio 2017

Daniele Tagliolini

Daniele Tagliolini

PESARO – Il presidente della Provincia Daniele Tagliolini interviene dopo la presa di posizione dei sindacati contro la decisione dell’ente di interrompere il pagamento delle voci variabili e accessorie dello stipendio e la produttività 2016 a quel personale passato per legge, già dal 2015, alla Regione Marche (dipendenti del mercato del lavoro e agenti della polizia provinciale convenzionati per le funzioni di vigilanza di caccia e pesca).

“Dal primo gennaio 2015 – chiarisce Tagliolini – tra pagamento degli stipendi al personale divenuto regionale e servizi legati alle funzioni trasferite abbiamo anticipato, per conto della Regione Marche, circa 13 milioni di euro. Lo abbiamo fatto per senso di responsabilità, per non mettere a repentaglio le retribuzioni dei lavoratori e per garantire la continuità dei servizi offerti ai cittadini. Dopo 800 giorni di attesa, è ora che la Regione Marche ci restituisca le somme anticipate e provveda a pagare quello che è di sua competenza. Nessun privato attenderebbe tutto questo tempo per veder riconosciuto un pagamento”.

Il presidente della Provincia considera “incomprensibile” l’atteggiamento dei sindacati. “Ho letto le dichiarazioni dei sindacati, che invece di stare insieme a noi a rivendicare, come in tutte le altre Province d’Italia, la restituzione da parte dello Stato dei prelievi forzosi che sono fatti dalle casse delle amministrazioni provinciali dal 2014 ad oggi (per la Provincia di Pesaro e Urbino ben 50 milioni di euro) si schierano anche contro il nostro ente rivendicando qualcosa che per noi è diventato impossibile continuare a sostenere… Sono spese che competono ad un altro ente e noi siamo venuti incontro per oltre due anni. Va poi ricordato che dalla Regione Marche non abbiamo ricevuto alcun pagamento nemmeno per altri servizi”.                                                                                      

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>