Un anno di reati: ecco il bilancio dei carabinieri di Pesaro e Urbino

di 

5 giugno 2017

Il comandante provinciale Marco Filoni e il prefetto Luigi Pizzi

Il comandante provinciale Marco Filoni e il prefetto Luigi Pizzi

PESARO – Ieri, 5 giugno 2017, presso Villa Imperiale in strada San Bartolo, 63 a Pesaro, si è svolta la celebrazione del 203° annuale della fondazione dell’Arma.

La cerimonia, significativa nella propria semplicità, in linea con i principi che ispirano l’Istituzione, ha costituito – come di consueto – l’occasione per rendere noto il bilancio complessivo dell’attività condotta dagli uomini e dalle donne dell’Arma su tutto il territorio provinciale. Tali positivi risultati concretizzano la quotidiana e costante azione di prevenzione e contrasto al crimine svolta dai Carabinieri di Pesaro e Urbino, attraverso la propria articolazione che prevede un Reparto Operativo, 3 Compagnie e 34 Comandi Stazione, questi ultimi unici presidi dello Stato in 49 dei 59 comuni della provincia.

Dall’esame dei dati statistici riferiti al periodo 5 giugno 2016 – 4 giugno 2017, le attività del Comando Provinciale hanno riguardato il perseguimento di 7.376 reati (sui 9.011 complessivamente commessi), per i quali sono stati individuati gli autori in 2.436 casi.

Sono stati dunque arrestati 238 colpevoli e denunciati in stato di libertà all’A.G. altri 1.851.

La prevenzione ed il contrasto dei principali reati predatori sono stati perseguiti con particolare impegno, attesa l’incidenza sul totale dei reati perpetrati, oltre che per il maggiore allarme sociale che suscitano.

Incessante è stato lo sforzo per rendere particolarmente incisivo il controllo del territorio, con un incremento del numero di militari impiegati nei servizi esterni, grazie alla costante semplificazione ed informatizzazione dell’attività burocratica.

I reparti del Comando Provinciale di Pesaro e Urbino hanno infatti garantito anche nel periodo in esame 19.439 servizi esterni, con l’impiego di 38.948 militari, oltre a concorrere a 478 servizi di Ordine Pubblico, cui hanno preso parte 1.025 militari.

L’impegno nell’esecuzione dei servizi esterni ha conseguito tangibili risultati in ordine al numero delle persone, dei mezzi e dei documenti controllati (rispettivamente oltre 80.896, 58.145 e 24.395), sia con finalità di prevenzione dei reati che di controllo alla circolazione stradale.

A fianco ai compiti di tutela dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica, nonché di prevenzione e repressione dei reati, i Carabinieri del Comando Provinciale hanno proseguito, con convinzione e passione, il ciclo di conferenze negli istituti scolastici – in collaborazione con le rispettive Direzioni e l’Ufficio Scolastico Provinciale – volte trasmettere nei bambini e negli adolescenti di oggi la cultura della legalità, nonché sensibilizzarli – con argomenti attagliati alle rispettive età – sui corretti comportamenti durante la circolazione in strada, sui pericoli derivanti dalle sostanze stupefacenti e dall’abuso di alcool, oppure – per i più grandi – sulle problematiche giovanili più attuali, quali lo “stalking”, la “pedopornografia” e il “bullismo”.

Nel corso della cerimonia, inoltre, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, Ten. Col. Marco Filoni, ha consegnato i riconoscimenti a quei militari che si sono particolarmente distinti nell’attività di servizio. Eccoli: RICONOSCIMENTI.

Questo invece il Discorso del Comandante provinciale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>