Il caso del “piccolo Francesco”: oggi le spiegazioni dell’omeopata Mecozzi all’Ordine dei Medici.

di 

6 giugno 2017

Ordine dei Medici della Provincia (Foto tratta dal Ducato)

Ordine dei Medici della Provincia (Foto tratta dal Ducato)

PESARO – Questa mattina Massimiliano Mecozzi è stato ricevuto nella sede dell’ordine dei medici di Pesaro per rispondere alle domande del presidente Paolo Maria Battistini.

Mecozzi, il medico omeopata indagato per la morte del piccolo Francesco Bonifazi, in una audizione a porte chiuse dovrà spiegare – come si apprende dall’edizione online del Ducato – perché ha rifiutato di curare l’otite del bambino con un antibiotico, affidandosi solo a prodotti omeopatici.

Il piccolo Francesco è morto il 27 maggio all’ospedale Salesi di Ancona, dove è arrivato in coma a causa di un’encefalite provocata dall’otite.

Mecozzi, con i genitori del bambino, è indagato per concorso in omicidio colposo dalla Procura di Urbino. Nei giorni scorsi la famiglia del piccolo ha chiesto l’immediata sospensione dell’attività del medico e la radiazione dall’Ordine. Mecozzi intanto, dopo aver cambiato numero di telefono, continua a esercitare la professione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>