Via ai concerti allo stadio Benelli: domenica ecco i Bastille

di 

30 giugno 2017

bastillePESARO – Parte con il primo degli appuntamenti in programma allo stadio Tonino Benelli, l’estate live di concerti organizzata da Mca Events.

In scena i BASTILLE che saranno preceduti alle 20 dall’esibizione della band elettro-rock dei Masstang (inviamo scheda a parte) uno dei gruppi selezionati da Amat per aprire i concerti dei big.

Toccherà infatti al gruppo britannico di alternative rock che ha spopolato in tutta Europa grazie al suo stile originale e coinvolgente, aprire l’Rds Summer Song, la rassegna organizzata da MCA Events che segna il ritorno dei grandi concerti allo stadio di Pesaro.

La band capitanata da Dan Smith, diventata famosa in Italia con il singolo Pompeii, si è imposta per le sue performance nelle quali il pubblico accompagna i concerti con cori da stadio che si mixano a suoni di synth anni ottanta e che trasforma ogni parterre in una grande pista da ballo.

Difficilmente catalogabile il genere che la band propone. E’ lo stesso Dan Smith a spiegarlo. “Ci sentiamo abbastanza liberi. Se vogliamo direzionarci verso l’elettronica possiamo e se vogliamo andare verso il rock o sull’indie possiamo farlo ugualmente”. Per Smith è importante “essere sempre se stessi e riuscire a trasmettere emozioni”. E, a giudicare dal successo ottenuto in questi anni, i Bastille ci stanno proprio riuscendo, soprattutto tra i più giovani.

Dopo tre anni di incisioni premi e singoli di successo, sono tornati con l’album Wild World che presenteranno a Pesaro assieme ai loro successi nella seconda delle uniche tre date italiane.

Messi sotto contratto dalla Virgin, hanno pubblicato i loro primi singolo, la b-side Flaws/Icarus, nel 2011. L’anno successivo è stato molto impegnativo per il gruppo, che ha pubblicato i singoli Overjoyed, Bad Blood e nuovamenteFlaws. Nello stesso periodo pubblicano i mixtape Other People’s Heartache e Other People’s Heartache2.

Ma i Bastille hanno raggiunto la fama internazionale solo nel gennaio 2013 con la pubblicazione del singolo Pompeii, che è diventato una hit internazionale e che anticipato l’album di debutto del gruppo, Bad Blood,  che ha raggiunto la vetta della classifica del Regno Unito.

Dopo Pompeii, viene estratto come singolo il brano Laura Palmer, nell’aprile 2013. Cantano come ospiti a The Voice of Italy il 9 maggio 2013. E da lì in poi il feeling col nostro paese diventa fortissimo.  Il 2 luglio dello scorso anno il gruppo ha pubblicato il singolo Good Grief, seguito il 27 dello stesso mese dal brano Fake It. I due brani, hanno anticipato il secondo album in studio dei Bastille, intitolato Wild World. E molte di quelle canzoni saranno eseguite anche nel concerto di Pesaro, oltre ai successi della band.

In vendita i biglietti (da 36,80), al sito ticketone.it e il giorno del concerto al botteghino dello stadio Benelli.

 

Ad aprire il concerto (alle 20) il progetto musicale Masstang:

Dirompente e visionario. Masstang è un nuovo progetto musicale.

Sospesi dentro mondi surreali, respirando atmosfere visionarie, sospinti da una forza inarrestabile…

Masstang è un progetto assolutamente trasversale, è un sapido mix delle nuove influenze della club culture,

un bel crossover di generi (electro e rock) . La loro ispirazione è a british band come Rudimental, Nero,

masstang-band-24Chase n Status e a quello spaccato musicale che sta letteralmente spopolando in altri lidi (in primis

Inghilterra).

Ogni canzone diventa un viaggio, passando dalle nebbiose atmosfere autunnali, alle calde vibrazioni della

musica da club, rispecchiando la personalità di ognuno dei componenti, che apporta il proprio background

musicale.

Masstang… l’evoluzione.

Masstang ha recentemente vinto il concorso “Arezzo Wave Marche” e rappresenterà la nostra regione alle finali di Milano previste il 23/24 giugno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>