Solfiti del vino: convegno alla Cantina Bruscia

di 

6 luglio 2017

Soverchia, Papi, Bruscia

Soverchia, Papi, Bruscia

SAN COSTANZO – Venerdi 7 luglio alla Cantina Bruscia di San Costanzo si terrà un convegno sul tema dei Solfiti nel vino, dal titolo Solfiti: il giusto utilizzo o non utilizzo. Interverranno per l’occasione enologi, esponenti del mondo accademico, biologi ed agronomi, affrontando una tematica tanto attuale quanto controversa. Moderatore dell’incontro il delegato AIS Urbino Montefeltro Raffaele Papi.

Il tema dell’utilizzo dei solfiti nei vini ed in generale nell’industria agroalimentare è diventato di grande attualità, infatti sempre più consumatori si interrogano sulla necessità del loro utilizzo e sugli eventuali danni che tali composti possono arrecare alla nostra salute. Diciamo subito che I solfiti sono una categoria di sostanze chimiche impiegate comunemente nellindustria agroalimentare come conservanti. Note sono infatti le due proprietà principali di questi composti: quella antimicrobica e quella antiossidante. Tali proprietà hanno rispettivamente il potere di inibire l’azione di microorganismi responsabili dell’eventuale deterioramento di un prodotto alimentare e di agire su determinati enzimi propri di alcuni alimenti e che, attraverso l’azione dellossigeno, causano un tracollo delle caratteristiche organolettiche dell’alimento che muta sapore, colore e caratteristiche originali. Molti sono i prodotti trattati con solfiti come ad esempio sciroppi e succhi di frutta, composte di frutta e alimenti conservati in genere e, naturalmente, nel vino. I solfiti presenti nel vino non sono solo quelli artificiali aggiunti ma anche naturali, infatti in fase di fermentazione i lieviti producono solfiti. Tuttavia questi solfiti naturali spesso non sono sufficienti a garantire l’integrità nel vino nel tempo e dunque i produttori di vino ricorrono all’utilizzo di solfiti di origine chimica. Sappiamo che ciò conta nel loro utilizzo è la quantità e sappiamo che pur essendo classificati come allergeni nella normativa, in verità non lo sono, poiché non hanno potere di provocare danni gravi alla salute. Proprio questi interrogativi tornano spesso tra gli amanti del vino, per la mancanza di chiarezza su questo delicato argomento. Questo convegno nasce con l’intento di dare risposte chiare e approfondite, attraverso le considerazione degli addetti ai lavori che si incontreranno appunto venerdì 7 luglio dalle ore 18.00 alla Cantina Bruscia di San Costanzo, pioniera nelle nostra Provincia della produzione di vini a bassissimo tenore di solfiti. Interverranno l’enologo David Soverchia, il Prof. Paolo Ninfali dell’Università di Urbino Carlo Bo, la Biologa Carolina Zara,Luca Pierini, Biologo Nutrizionista, l’Enologo Giancarlo Soverchia. Moderatore della serata il Delegato AIS Urbino Montefeltro Raffaele Papi. Per l’occasione Stefano Bruscia, titolare dell’omonima cantina, presenterà il Conte Giulio, metodo classico, 36 mesi sui lieviti. All’incontro saranno presentati i vini delle seguenti cantine: Az Bruscia, Giusti, Podere Santa Lucia, Terracruda , Strologo, Tenuta Santa Lucia ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>