In Germania, il ruggito del giovane vecchio “Morbido”

di 

11 luglio 2017

Alessandro Magrini*

OSCHERSLEBEN (Germania) – Davvero incontenibile il nostro Gianni Morbidelli, che ad Oschersleben, in Germania, ha trionfato nelle 2 gare della TCR International Series.
Gianni ha vinto in modo autorevole Gara 1 ottenendo il suo primo successo stagionale che è anche il primo al volante della Volkswagen Golf GTI TCR.

Il pilota della WestCoast Racing ha sfruttato al meglio la partenza dalla pole position per mantenere il comando delle operazioni, andando a precedere la SEAT León TCR della Lukoil Craft-Bamboo Racing condotta da Daniel Lloyd e la Volkswagen Golf GTI TCR di Rob Huff (Leopard Racing).

In gara 2 il pesarese è stato ancora più spettacolare superando proprio all’ultimissimo giro la Opel Astra TCR di un ottimo Mat’o Homola (DG Sport Compétition), al comando fin dalla partenza che lo vedeva scattare dalla pole position della griglia invertita.

Gara 2 è stata funestata al via da una carambola innescata dalla Honda Civic TCR di Roberto Colciago e dalla SEAT León TCR di James Nash, che hanno chiuso a sandwich l’incolpevole Jean-Karl Vernay (Volkswagen Golf GTI TCR): il contatto fra i tre ha spedito a muro il lombardo della M1RA e il britannico della Lukoil Craft-Bamboo Racing, mentre il francese della Leopard Racing è riuscito a continuare.

Il problema è stato che rimbalzando contro le barriere, le vetture di Colciago e Nash hanno coinvolto anche Giacomo Altoè (WestCoast Racing, Volkswagen), Pepe Oriola (Lukoil Craft-Bamboo Racing, SEAT), Rob Huff (Leopard Racing), Stian Paulsen (SEAT) e Luca Engstler (Volkswagen), con i commissari che hanno dovuto esporre subito la bandiera rossa facendo ripetere la partenza.

Con diverse caselle vuote dovute ai ritiri, questa volta non ci sono stati particolari problemi e Homola ha mantenuto la leadership davanti a Vernay e alla SEAT León TCR di Daniel Lloyd (Lukoil Craft-Bamboo Racing).

Morbidelli è stato abilissimo ad attendere il momento propizio per scavalcare prima il britannico (giro 4), poi il francese (giro 8) e infine anche lo slovacco (giro 15), tutti con la stessa fantastica mossa alla curva 11-12. Per il pilota della WestCoast Racing è quindi bottino pieno al volante della sua Golf, avendo conquistato pole position e vittorie nelle due gare.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>