Volley A1: la myCicero ingaggia Tatjana Bokan, schiacciatrice montenegrina, in Champions League fino a pochi mesi addietro

di 

18 luglio 2017

PESARO – E’ Tatjana Bokan la Miss X proveniente dall’Est europa della quale abbiamo parlato questi giorni. La myCicero Volley Pesaro ha ufficializzato il suo ingaggio, completando così il sestetto che risulta composto da Cambi in palleggio, Van Hecke opposta, Nizetich e Bokan a schiacciare e ricevere, Albrecht e Olivotto centrali; Ghilardi libero. si completa il sestetto titolare del Volley Pesaro. Dalla panchina partiranno Arciprete, Baldi, Bussoli, Carraro e Lapi.

TeamPlayer_Photo_115_160.aspxNata il 9 aprile 1988, a Bar (per la felicità dello scoutman Luca Nico, che avrà in squadra – finalmente – un’altra Bar…ese), una volta Jugoslavia, oggi solo Montenegro, alta 1 metro e 86 per 70 chilogrammi di peso, Bokan torna in Italia dopo sei anni (l’unico precedente nel nostro Paese risale alla stagione 2010/2011 in maglia Soverato) proveniente dall’Azerrail Baku, squadra dell’Azerbaigian.

“Mi fa molto piacere tornare in Italia – ha raccontato Tatjana all’ufficio stampa della myCicero – e in particolar modo a Pesaro perché è sul mare come il mio paese. Esordirò in A1 e so che ci aspetterà una stagione impegnativa perché il campionato italiano è tra i più equilibrati e competitivi del mondo. Le mie caratteristiche? E’ l’attacco il mio punto di forza e sono una che non molla mai: mi piacciono le sfide e non vedo l’ora di cominciare questa nuova avventura. Conosco, per averci già giocato insieme a Cannes, Freya Aelbrecht mentre ho sfidato diverse volte Van Hecke e Nizetich”.

La notizia ha trovato grande eco in Montenegro:

IMG_9356

 

La notizia dell’ingaggio di Tatjana ha trovato subito eco oltre Adriatico. L’edizione online del quotidiano Vijesti (notizie) ha pubblicato un lungo articolo, firmato Saša Jončić che ha ampliato il comunicato della myCicero, ricordando ad esempio che già nel 2003 Tatjana partecipava alla finale della Coppa di Serbia e Montenegro, allora ancora un unico Paese.

“La Bokan fa del fondamentale dell’attacco il suo punto di forza e si completa alla perfezione con le caratteristiche di Nizetich – la presenta così coach Bertini – La sua ultima esperienza in Azerbaijan le sarà molto utile per adattarsi facilmente al nostro campionato”.

Non solo in Azerbaigian, perché la scheda della Cev, la federazione europea, racconta che la schiacciatrice montenegrina – quindi appartenente alla cosiddetta “razza dinarica” utilizzata nel mondo del basket, gente decisamente molto alta – vanta una lunga esperienza, avendo partecipato fin dalla stagione 2006/07 a una coppa europea indossando la maglia dello Spartak Subotica, squadra serba, dove si è fermata fino al 2010, quando l’esperienza italiana si è trasferita in Francia, all’Asptt Mulhouse. Due stagioni in Alsazia, poi ancora Francia, a Cannes, dove ha giocato un solo campionato, per poi tornare a Mulhouse. Quindi – racconta ancora la Cev, Tatjana è andata in Giappone con le Hisamitsu Springs. E l’ultimo trasferimento, all’Azerrail, giusto in tempo per debuttare in Champions League contro le polacche del Dabrowa Gornicza.

Insomma, non è certo l’esperienza a mancarle. E nei fatti la myCicero ha allestito una squadra molto esperta, con l’unica giovane in sestetto in cabina di regia.

Non siamo in grado di offrirvi le statistiche nel campionato azero, ma possiamo proporre quelle nei 6 incontri del gruppo C di Champions League, con Fenerbahce Istanbul, Dabrowa Gornicza e le francesi di St.Raphael.

Esordio con le polacche e successo 3-1, con Tatjana non entrate nel primo set, utilizzata nel secondo e terzo, in sestetto nel quarto: 9 punti con 9/23 offensivo. In gara 2, sconfitta (3-0) a Istanbul, quando la montenegrina era in sestetto: 7 punti, 5/18 con 1 ace e 1 muro. Gara 3 d’andata e successo (3-0) per Bokan e compagne, con la neo pesarese in sestetto e autrice di 5 punti (4/9 e 1 muro). Un successo bissato nella prima di ritorno, quando Baku ha espugnato (1-3) il palasport francese e Tatjana ha realizzato 20 punti, attaccando con 20/35. 9 i punti a referto (9/25) nella netta sconfitta casalinga con il Fenerbahce di Marcello Abbondanza, e ancora 9 in gara 6, vinta al tie-break in Polonia, quando Tatjana è stata utilizzata solo nei primi 2 set chiusi con 7/15 e 2 muri.

Sono passati molti anni, ma ci sembra giusto raccontare che l’esordio italiano di Tatjana fu davvero notevole. Nel successo (3-0) di Soverato su Verona, la ragazza di Bar realizzò 20 punti con 16/36 e 4 muri. Nelle 26 partite disputate con la squadra calabrese, per un totale di 87 set, Bokan chiuse con 351 punti (13,5 a partita), classificandosi al 15° posto della classifica delle migliori realizzatrici, vinta dall’ungherese Mariann Nagy (Pontecagnano) che ne totalizzò 581.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>