Volley: Fipav senza pudore, l’Italia del marottese Mazzanti alle finali a 6 del World Grand Prix grazie al “grandissimo lavoro della Federazione”

di 

22 luglio 2017

Mazzanti e le azzurre durante la sfida con la Repubblica Dominicana (Foto Fivb)

Mazzanti e le azzurre durante la sfida con la Repubblica Dominicana (Foto Fivb)

La Nazionale di pallavolo femminile allenata dal marottese Davide Mazzanti è protagonista di un grande World Grand Prix 2017. Perse le prime due partite, le azzurre hanno infilato 6 successi consecutivi e occupano il terzo posto nella classifica. Un piazzamento che, prima ancora di giocare domenica con la Thailandia che ospita il girone, le qualifica alle finali a 6 in programma a Nanjing, in Cina, dal 2 al 6 agosto.

Insomma, azzurre da applausi. I fischi li riserviamo a Bruno Cattaneo, presidente federale da qualche mese, che conferma una realtà inconfutabile: i dirigenti delle federazioni sportive sono convinti, ahimè, di essere determinanti per le fortune degli sport di cui si occupano. Come interpretare altrimenti le dichiarazioni rilasciate da Cattaneo?

“Sono estremamente soddisfatto del risultato ottenuto dalla nazionale femminile, qualificarsi alla Final Six era un obiettivo difficilissimo, ma che abbiamo raggiunto con pieno merito. Le ragazze, il ct Mazzanti e lo staff azzurro sono stati fantastici, nel corso del torneo si è vista una crescita esponenziale del gruppo. Dietro a questa qualificazione c’è un grandissimo lavoro della Federazione che nel giro di pochi mesi ha saputo riportare la nazionale femminile a primeggiare sul palcoscenico mondiale”.

Capite? “Dietro a questa qualificazione c’è un grandissimo lavoro della Federazione…”. Chiediamo scusa al grande Totò: presidente Cattaneo, ci faccia il piacere…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>