La Vuelle ufficializza Zak Irvin: identikit e commento

di 

24 luglio 2017

Zak Irvin (foto tratta dal web)

Zak Irvin (foto tratta dal web)

PESARO – Il dado è tratto, almeno per adesso. La Victoria Libertas ha infatti ufficiosamente concluso la sua campagna acquisti, firmando il quarto rookie su cinque nuovi approdi da oltreoceano. L’ultimo arrivato alla corte di Spiro Leka corrisponde al nome di Zak Irvin (leggi il Comunicato ZAK IRVIN), ala 23enne di 198 centimetri per 95 chilogrammi proveniente dalla prestigiosa Università di Michigan, dove è rimasto per quattro stagioni, con statistiche in crescita, finendo l’ultima annata con 13 punti e 4 rimbalzi di media. Non scelto per il draft, ha effettuato dei provini per gli Indiana Pacers e giocato la Summer League con la maglia dei Miami Heat e proprio a Las Vegas è stato visionato da Stefano Cioppi, che ha completato il suo poker di rookie, dopo gli arrivi di Mika, Moore e Omogbo, con l’unica eccezione di Pablo Bertone.

Che tipo di giocatore è Zak Irvin?

Ala piccola, con caratteristiche da guardia, Irvin è un buon giocatore dal punto di vista tecnico ed atletico, con un arresto a tiro efficiente dai cinque metri e una buona attitudine ad attaccare il ferro in transizione, i suoi punti possono arrivare tranquillamente anche dalla linea dei 6.75, tiro da tre che comunque deve perfezionare e provare con più insistenza, in un campionato come quello italiano, dove le difese tendono a lasciarti più spazio su perimetro, con la tendenza ad intasare l’area di difensori. Il ball handling è migliorabile, così come la percentuale dalla lunetta (67%) e la lettura del gioco, anche se le mani sono quelle di un giocatore di pallacanestro e sa trattare la palla egregiamente, mentre un punto di forza è sicuramente lo “step back”, ovvero la capacità di prendersi un tiro, dopo aver fatto un passo indietro e creato spazio tra sé e il difensore. La fase difensiva è sicuramente uno dei suoi punti di forza, dove può tranquillamente marcare tutti gli esterni, compresi i playmaker avversari, perché ha la necessaria mobilità di piedi per scivolare e chiudere la strada verso il proprio canestro e anche a rimbalzo può dare una bella mano, specialmente quello difensivo, dove una volta conquistato il pallone, può chiudere con spettacolari coast to coast, A livello caratteriale sembra un ragazzo tranquillo, dedito al lavoro e al miglioramento individuale, sia tecnico che fisico e in una Vuelle alla ricerca di un leader, potrebbe essere proprio Irvin il trascinatore della squadra, anche se poi sarà il parquet a decidere le gerarchie. Una curiosità: nell’estate 2014 è stato in Italia, con il suo college, per una tournée di tre settimane, girando il Bel Paese e forse anche questo piccolo particolare ha influito nella sua decisione di attraversare l’Oceano e iniziare la sua avventura professionistica proprio dalle nostre parti.

Con l’arrivo di Irvin, si è dunque completato l’organico iniziale della Vuelle 2017-18, anche se ancora confidiamo in un colpo di coda della dirigenza biancorossa, che non potrà negare che la squadra così com’è, è nettamente sbilanciata verso gli esterni, che teoricamente sono sette – Moore, Monaldi, Bertone, Bocconcelli, Irvin, Serpilli e Ceron – mentre i lunghi sono solamente tre – Mika, Omogbo ed Ancellotti – con tutti i problemi che ne conseguono, ad iniziare da quello dei falli prematuri commessi. Ribadiamo la necessità di far arrivare un 4/5 italiano d’esperienza, in grado di rimanere sul parquet una quindicina di minuti senza fare danni, senza pretendere un fenomeno, pescando magari dalla serie A2.

VICTORIA LIBERTAS 2017-18

QUINTETTO PANCHINA

PLAYMAKER MOORE (extra) MONALDI

GUARDIA BERTONE (comunitario) BOCCONCELLI

ALA PICCOLA IRVIN (extra) CERON

ALA GRANDE OMOGBO (comunitario) SERPILLI

CENTRO MIKA (extra) ANCELLOTTI

COACH SPIRO LEKA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>