A Modena la ricerca disperata di un farmaco salvavita viene “riparata” dalla Farmacia Marche Nord di Pesaro

di 

27 luglio 2017

Stefano Bianchi, direttore Farmacia Marche Nord

Stefano Bianchi, direttore Farmacia Marche Nord

PESARO – Una ricerca quasi disperata, quella dell’ospedale Hesperia di Modena, iniziata martedì pomeriggio (25 luglio) contattando le strutture ospedaliere limitrofe per richiedere la disponibilità di procainamide, un antidoto all’intossicazione o sovradosaggio di eparina. Infatti quest’ultimo farmaco se somministrato in eccesso rischia di generare emorragie che solo la procainamide è in grado di arginare.

La ricerca dell’antidoto comincia consultando gli ospedali vicini, fino a spostarsi di chilometri e, come in questo caso, arrivando addirittura a superare i confini regionali. La richiesta di aiuto si è fermata proprio a Pesaro dove la Farmacia degli Ospedali Riuniti Marche Nord, che ha anche specifiche competenze in campo antidotico, aveva a disposizione il farmaco non reperibile neppure attraverso la ditta produttrice. Una corsa contro il tempo, quella dell’ospedale Hesperia di Modena, struttura chirurgica ad alta specializzazione, che dopo la conferma della disponibilità ha inviato un mezzo a Pesaro e ritirato il farmaco salvavita.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>