Che Vuelle sta nascendo? Vecchio e nuovo roster biancorosso sotto la lente di Pu24 (Parte 1)

di 

27 luglio 2017

PESARO – La Vuelle è stata la prima formazione della massima serie a chiudere ufficialmente il proprio mercato, anche prima di Milano, che non contenta di avere 14 giocatori sotto contratto, sta firmando in queste ore, anche il pivot della Nazionale Marco Cusin, ma lo squadrone che sta allestendo l’Armani influirà poco sul futuro biancorosso, mentre è interessante sapere se, in Via Bertozzini hanno fatto le cose per bene e se, soprattutto, la Vuelle 2017-18 è, almeno sulla carta, migliore della Consultinvest 2016-17.

Così, come ogni estate, vi proponiamo il nostro confronto tra la Pesaro che è stata e quella che verrà, tra i dieci partenti della scorsa estate e quelli che inizieranno la loro avventura il prossimo primo ottobre, paragone che non terrà conto della Vuelle versione 2.0, quella con Clarke ed Hazell, sotto la guida di Spiro Leka, che certamente era migliore di quella con Harrow e Fields. Ma è giusto mettere sotto la lente d’ingrandimento le due squadre a distanza di dodici mesi, quelle praticamente nate alle Summer League di Las Vegas, specialmente in questa estate 2017, dove Stefano Cioppi aveva una lista della spesa con una decina di nomi al suo interno e dalla quale ne ha pescati quattro, non tutti in cima alla lista, ma comunque al massimo seconde scelte.

Andiamo così ad analizzare la nuova e vecchia Victoria Libertas, un confronto fatto ruolo per ruolo, dando il nostro personale giudizio su chi potrebbe vincere la sfida diretta.

Dallas Moore (foto basketinside.com)

Dallas Moore (foto basketinside.com)

Dallas Moore vs Marcus Thornton: Nessuno dei due è un playmaker puro e forse Thornton ha qualcosina in più nel suo repertorio, ma ad una squadra che mira a salvarsi come la Vuelle, più che le entrate da cameriere, servono punti e leadership: sui primi ci sentiamo di puntare forte, sulla capacità di essere un trascinatore, un pochino meno.

Chi vince il confronto? L’eventuale riconferma di Clarke in questo ruolo, avrebbe accontentato tutta la piazza, ma in casa Vuelle si è deciso diversamente, andando a prendere uno dei migliori realizzatori disponibili sul mercato, nel rapporto qualità/prezzo, forse meno tecnico di Thornton, ma sicuramente con più punti nelle mani. Soprattutto per quest’ultimo particolare, la nostra preferenza va al piccolo regista della Florida: Dallas Moore

 

Diego Monaldi (foto tratta da Fb)Diego Monaldi vs Ryan Harrow: Uno dei punti di forza della Vuelle 2016, sembrava potesse essere la possibilità di far partire dalla panchina, uno dei due play stranieri e Harrow aveva le qualità per coprire le spalle a Thornton, con la speranza che almeno uno dei due si assumesse il ruolo di trascinatore. E in panchina dodici mesi fa, passava molto del suo tempo anche Monaldi, che a Sassari sperava di scalare le gerarchie interne del Banco di Sardegna e che invece spesso non si toglieva neanche la tuta, trascorrendo tutti i 40 minuti in fondo alla panchina.

Chi vince il confronto? Harrow ha chiuso la sua avventura pesarese dopo 20 giornate, con una media di 10 punti e il 42% da tre. Non diciamo che Monaldi sia in grado di superarlo, ma Diego è una delle possibili liete sorprese della stagione, forse il miglior tiratore dai 6.75 di una Vuelle che potrebbe avere proprio nel tiro da tre, uno dei problemi da risolvere, ma il confronto diretto, seppur di poco, va al suo predecessore: Ryan Harrow

 

Marco Ceron (2017) vs Brandon Fields: In Via Bertozzini continuano ad affermare che sarà Ceron la guardia titolare della nuova Vuelle e allora, invece di fare il consueto confronto tra lo stesso giocatore a distanza di dodici mesi, abbiamo deciso di paragonarlo al suo predecessore nel ruolo, quel Fields che era arrivato con grosse speranze, finendo però presto sul banco degli imputati, con quel tiro da tre che non voleva saperne di entrare e un gioco troppo impostato sull’uno contro uno.

Chi vince il confronto? Fields ha chiuso la sua avventura pesarese, con cifre doppie rispetto a Ceron, che rimane un giocatore di striscia, con troppi bassi e pochi alti e in una sfida non certo di altissimo livello, seguiamo la legge dei numeri: Brandon Fields

 

Pablo Bertone (foto tratta dal web)

Pablo Bertone (foto tratta dal web)

Pablo Bertone vs Marco Ceron (2016): Continuando con la teoria che sarà Ceron la guardia titolare, è giusto di conseguenza confrontare chi partirà dalla panchina, col suo predecessore nel ruolo, con la speranza che l’argentino si riveli un giocatore più continuo ed utile alla causa.

Chi vince il confronto? Sono due giocatori con caratteristiche tecniche completamente diverse tra loro: più tiratore l’italiano, più penetratore l’oriundo, che non sarà un fenomeno, ma che ci sembra più completo e con meno punti deboli, soprattutto caratteriali: Pablo Bertone

 

Zak Irvin vs Simas Jasaitis: Il lituano è stato il giocatore più costoso dell’era Ario Costa e, solo a risentire il suo nome, il conto in farmacia per gli antiacidi del presidente biancorosso sale vertiginosamente. A livello di pedigree cestistico, il confronto non partirebbe nemmeno, perché Jasaitis è stato uno dei cardini della nazionale lituana ed ha giocato decine di partite in Eurolega ad alto livello, ma purtroppo i tempi belli sono ormai alle spalle e Simas è stata l’autentica delusione della scorsa stagione.

Zak Irvin (foto tratta dal web)

Zak Irvin (foto tratta dal web)

Chi vince il confronto? Jasaitis ha chiuso la stagione con una media punti di 5.8 e anche se Irvin non sarà un fenomeno, crediamo possa tranquillamente raddoppiare quelle cifre, senza dimenticarsi il suo contributo a rimbalzo e soprattutto in fase difensiva: Zak Irvin.

Appuntamento a domani per la seconda ed ultima parte del confronto tra vecchia e nuova Vuelle

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>