Mondolfo e Marotta come Madrid: arrivano le strisce pedonali multicolor

di 

28 luglio 2017

Il sindaco e gli assessori Di Tommaso e Caporaletti

Il sindaco e gli assessori Di Tommaso e Caporaletti

MAROTTA – Anche a Mondolfo Marotta come Madrid arrivano le strisce pedonali multicolor. Colorate, divertenti e con l’intento di attirare maggiormente l’attenzione degli automobilisti, gli attraversamenti pedonali diventano vere e proprie opere d’arte. E se nella cittadina spagnola l’idea di rallegrare le strisce pedonali è stata dell’artista bulgaro Christo Guelov con il suo progetto denominato Funnycross,

Nel Comune di Mondolfo a proporlo sono stati i bambini delle scuole del territorio. Una richiesta che non è caduta nel dimenticatoio anzi: la Giunta Barbieri si è subito attivata optando per lo Street Art al posto delle comuni e semplici strisce pedonali, realizzando questo “spettacolo colorato” nel lungomare Cristoforo Colombo proprio difronte a Piazza dell’Unificazione.

Scelta coraggiosa che assegna di fatto al Comune rivierasco il primato di avere importato per primo in Italia gli attraversamenti multicolor. Un’idea che ha riscosso subito molti consensi e che sta rimbalzando sui social con grande entusiasmo da parte di cittadini e turisti.

“Si tratta senza dubbio di un’idea innovativa – hanno commentato soddisfatti gli amministratori – che ci ha consentito da una parte di intervenire in modo originale nella riqualificazione urbana della Città. Seguire le idee dei nostri bambini si è rivelata una decisione giusta e molto apprezzata da cittadini e turisti. Gli attraversamenti pedonali multicolor sono piacevoli e al tempo stesso funzionali”.

E la foto scattata agli amministratori dentro un “mondo di colore” ne è una prova schiacciante.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>