Gp d’Ungheria, strepitosa Ferrari: pole di Vette, Raikkonen secondo

di 

29 luglio 2017

BUDAPEST (Ungheria) – Sebastian Vettel con una prestazione monstre conquista la pole position del GP d’Ungheria. Completa la prima fila tutta Ferrari un altrettanto strepitoso Raikkonen, “dipingendo” di Rosso il Danubio.
Dopo il preoccupante e aspettato recupero Mercedes, dominatrice delle ultime quattro gare, la Ferrari si rilancia nella sfida all’armata di Stoccarda e lo fa nelle qualifiche, terreno ancora ostico in questo anno che ha e sta segnando il ritorno al vertice del Cavallino. Sul circuito magiaro in riva al “fiume blu”, Vettel e Raikkonen hanno sfruttato al massimo il carico aerodinamico e il passo corto delle loro SF70H, su un tracciato per certi versi simile a Montecarlo, dove le Rosse hanno compiuto il capolavoro di una doppietta che mancava da otre un decennio.
Una prestazione, quella odierna, che serve a dare nuovamente morale al team di Maranello, in previsione delle prossime gare, che dopo la pausa estiva vedranno il Circus della F.1 affrontare Spa e Monza, almeno sulla carta non “favorevoli” alla Rossa. Al di là delle considerazioni, bisogna tenere presente che la gara è “domani” e sappiamo che come sempre può accadere di tutto.
Dietro le Ferrari una seconda fila tutta Mercedes, con Bottas, sempre più veloce che precede Hamilton il quale, pur se autore di ottimi tempi in Q1 e Q2, ha commesso un errore al primo tentativo della manche finale e non è stato in grado di dare la sua abituale “zampata” nei due restanti tentativi. I due piloti Mercedes rimangono comunque una spina per Vettel e Raikkonen, data la loro abilità nelle partenze.
Anche la terza fila è “monomarca” con le Red Bull di Verstappen e Ricciardo nell’ordine, i due “bibitari” che, con una macchina in recupero tecnico e su un circuito anche per loro ideale, saranno senz’altro protagonisti domani in una gara, che come accade fortunatamente spesso quest’anno, si preannuncia molto interessante.
L’Hungaroring sarà infuocato non solo per la sfida fra i contendenti ma anche per l’asfalto, che oggi ha sfiorato i 60 gradi di temperatura, condizioni che premieranno chi meglio saprà sfruttare i set di pneumatici Pirelli.
La pole degli “altri” la conquista Nico Hulkenberg, sempre positivo nel portare in alto la Renault, peccato che il tedesco dovrà lasciare la sua “casella” ad Alonso, per la sostituzione del cambio. Da parte sua, come sempre, Alonso se assistito da una McLaren-Honda discreta ci mette del suo. Anche se oggi l'”arancione” anglo-nipponica sembra in vena, conferma che viene dalla nona posizione di Vandoorne, che diventa ottava, per l’arretramento di Hulkenberg. Problema che avvantaggia anche Sainz decimo in “pista” e sopratutto Palmer che escluso dalla Q3 rientra nella top ten con la seconda Renault.
Ora aspettiamo le 14 di domani con doppia diretta Sky e Rai, con l’auspicio e la quasi certezza che il G.P. d’Ungheria sarà una gara da non perdere.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>