Vuelle, esordio identico a un anno fa: l’1 ottobre all’Adriatic Arena con Brescia. Epilogo di regular season a Sassari

di 

31 luglio 2017

PESARO – Forse saranno i cinque anni consecutivi passati a lottare per non retrocedere o forse sarà l’abbassamento di livello al quale stiamo assistendo da un lustro, ma l’uscita del nuovo calendario della serie A non suscita più l’entusiasmo di un tempo. Fino a qualche anno fa si attendeva con trepidazione e curiosità la data delle sfide con Milano e Bologna, con Cantù e Varese, adesso si va subito con l’occhio a cercare le ultime giornate, quelle decisive per la salvezza di una Vuelle che in questo momento, continua ad essere la principale candidata alla retrocessione, almeno finché non si concluderanno le trattative in essere con il main sponsor.

E’ un calendario ancora sub giudice, sul quale pende il ricorso della Juve Caserta, estromessa dal Coni per non aver adempiuto a tutti i pagamenti nei tempi prestabiliti, ma che ricorrerà al Tar del Lazio per cercare di riottenere il suo posto, con il rischio di ritrovarsi una serie A con 17 squadre, con tanto di turno di riposo, perché ormai il dado è tratto e non si torna indietro, con Cremona che rimarrà in ogni caso nella massima serie.

20476272_1596024883802673_7100192219532871933_n

Il calendario

Una squadra totalmente nuova come questa Vuelle, avrebbe bisogno di una partenza soft, col piccolo problema che, guardando il campo delle partenti, fatichiamo a trovare formazioni “scarse” e fatichiamo purtroppo a trovare quelle vittore sicure o presunte tali, quelle partite, specialmente casalinghe, che ti fanno dire: “Questa sembra alla nostra portata, la possiamo mettere nella casella dei due punti sicuri”.

Guardando il calendario per la prima volta, viene naturale compilare una sorta di tabella salvezza, cercando quelle 10-11 vittorie che si dovranno ottenere per raggiungere il penultimo posto, sperando che non si ripetano le partenze ad handicap che hanno caratterizzato le ultime stagioni, consapevoli che negli ultimi cinque anni, non si è mai superata quota 10 punti al termine del girone d’andata.

Sarà un calendario spezzato in tre turni, con un anticipo certo al sabato e un posticipo certo al lunedì sera, col il match domenicale delle 20.45 e nessuna certezza sull’orario delle altre cinque partite in programma, almeno fino a quando Eurosport non chiarirà i dubbi, perché non sarà più Sky a trasmettere le partite, anche se Europort fa in ogni caso parte integrante del suo bouquet, con la novità che tutti i match della domenica pomeriggio saranno trasmessi in diretta streaming – a pagamento – sul sito Eurosport player, con la possibilità di orari diversi da quello canonico delle 18.15.

E ci saranno anche le pause per la Nazionale, una novità per la nostra pallacanestro, con tanto di polemiche tra Fiba ed Eurolega per l’utilizzo dei giocatori impegnati con le proprie nazionali, dato che l’Eurolega ha già programmato in quei giorni le sue partite di regular season e si va verso uno scontro senza vincitori. Si giocherà anche durante le feste natalizie, il giorno di Santo Stefano e il 2 gennaio, con il solito sistema di qualificazione per le Final Eight di Coppa Italia – entrano le prime otto al termine del girone d’andata – con Rimini probabile sede designata, mentre l’All Star Game è già stato abolito dalla stagione scorsa.

Si comincerà dunque il primo ottobre, in casa contro Brescia, come l’anno scorso, per poi presentarsi a Reggio Emilia, in un inizio di stagione che Pesaro dovrà cercare di sfruttare al massimo, considerando che dopo Brescia, all’Adriatic Arena, si presenteranno Bologna, Cremona, Brindisi e Varese, partite che dovrebbero essere alla portata dei ragazzi di Spiro Leka, che per una volta, dovranno cercare di partire subito con le marce alte. A Santo Stefano potete programmare le vacanze, perché la Vuelle sarà impegnata in trasferta a Cantù, ma se non volete perdervi la sfida con Milano, non prendete impegni dopo Capodanno, perché l’Armani scenderà a Pesaro il 2 gennaio, mentre sarebbe il caso di non puntare tutto sulle ultime tre partite, per raggiungere la salvezza, perché la Victoria Libertas sarà impegnata a Milano per la terzultima, in casa con i campioni d’Italia di Venezia alla penultima e si volerà a Sassari mercoledì 9 maggio, per l’ultima di campionato, tre partite, almeno sulla carta, molto difficili da portare a casa.

Un paio di curiosità: non sono in programma due partite consecutive in casa – e di conseguenza in trasferta – e, a nostra memoria, questo non accadeva da anni e Pesaro, insieme a Brindisi, è l’unica squadra a non aver affiancato al proprio nome, quello dello sponsor, problema che si spera possa essere risolto il prima possibile, perché dal primo ottobre si comincerà a fare sul serio e l’esperienza ci insegna che serviranno le risorse per intervenire sul roster durante l’anno e senza il nuovo nome sulla maglia, le cose diventerebbero molto complicate.

Clicca sulla foto sotto per ingrandire il calendario della serie A 2017/18:

20429822_1567225136661043_2254519033890233089_n

 

LE DATE DEL PRECAMPIONATO:

20 agosto                           raduno in sede

21/22 agosto                     visite mediche e test atletici

23  agosto                          inizio preparazione

27 agosto-3 settembre    ritiro Borgo Pace/Lamoli

2 settembre                       amichevole vs Jesi a Borgo Pace

9/10 settembre                 torneo a Parma  con Virtus Bologna, Reggio Emilia e formazione russa

15/16 settembre               torneo a Lucca con Pistoia, Milano e Torino

19 settembre                     Memorial A. Ford, PalaCampanara, ore 20.00, vs Reggio Emilia

23/24 settembre               torneo a Jesi con Jesi, Forlì e Montegranaro

Un commento to “Vuelle, esordio identico a un anno fa: l’1 ottobre all’Adriatic Arena con Brescia. Epilogo di regular season a Sassari”

  1. Io scrive:

    Proprio così, guardare il calendario non serve, siamo sfavoriti con tutti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>