Rof, sabato sera il ritorno di Torvaldo e Dorliska, opera proposta raramente

di 

11 agosto 2017

Una bellissima scena d’insieme di Trovando e Dorliska (Foto Amati Bacciardi)

Una bellissima scena d’insieme di Trovando e Dorliska (Foto Amati Bacciardi)

Undici anni dopo ritorna Torvaldo e Dorliska, andata in scena la prima volta lunedì 7 agosto 2006. E’ un’opera proposta raramente. Non a caso, il Rof informa che “la terza opera in programma al ROF 2017 è la rarissima Torvaldo e Dorliska, in scena il 12, 15, 18 e 21 agosto alle 20 al Teatro Rossini, firmata da Mario Martone e riproposta dopo il successo riscosso nel 2006. Scritta nel 1815 per il Teatro Valle di Roma, l’opera è una classica pièce à sauvetage ove l’innocente, perseguitata, solo alla fine viene miracolosamente salvata dopo un’incredibile serie di vicissitudini.

Nell’allestimento del Torvaldo, Martone sfrutta l’intero spazio teatrale, sviluppando l’azione per tutta la platea e imprimendo allo spettacolo una vivacità sorprendente, pur mantenendo la scena fissa”.

Francesco Lanzillotta, romano, al debutto pesarese, dirigerà l’Orchestra Sinfonica G. Rossini e il Coro del Teatro della Fortuna M. Agostini. Nei ruoli del titolo Dmitry Korchak, tenore russo alla sua settima presenza al Rof, dopo avere incantato già all’esordio nello Stabat mater (2006), ma anche in un applauditissimo Concerto di belcanto (2011), nell’edizione che lo vide impegnato nel Mosè in Egitto, e Salome Jicia, soprano georgiano (che l’aria di quel Paese faccia bene alle voci, vista anche la presenza al Rof della bravissima Nino Machaidze?). Con loro, anche Nicola Alaimo, baritono palermitano residente a Pesaro, anch’egli alla settima edizione al Rof. Per Alaimo fanno il tifo tante persone che hanno avuto modo di conoscerlo e apprezzarlo lontano dalle scene. Alaimo sarà il Duca d’Ordow. Carlo Lepore, basso napoletano che stoicamente va in scena malgrado un infortunio a un braccio, festeggia i 10 anni al Rof e sarà Giorgio. Applausi a prescindere. Raffaella Lupinacci, altra ex allieva dell’Accademia Rossiniana, mezzosoprano calabrese di Acri, interpreta Carlotta. Filippo Fontana, baritono friulano che ha studiato all’Accademia nell’edizione 2012, sarò Ormondo.

Undici anni fa i protagonisti furono Darina Takova (Dorliska), Francesco Meli (Torvaldo), Michele Pertusi (Duca d’Ordow), Bruno Praticò (Giorgio) Jeannette Fischer (Carlotta) e Simone Alberghini, un altro cantante che ha scelto di vivere a Pesaro (Ormondo). A dirigere l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento fu Victor Pablo Pérez. Il Coro da Camera di Praga.

La prima dell’opera, in programma il 12 agosto alle 20, sarà trasmessa in diretta da RaiRadioTre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>