Più di 20mila persone al 30esimo Palio del Daino. Le foto di Ballante da Mondaino

di 

21 agosto 2017

MONDAINO (Rimini) – Si è chiusa ieri sera la trentesima edizione del Palio del Daino. La manifestazione ha registrato un incremento di ingressi alle casse che hanno raggiunto complessivamente la cifra di 15.189 euro. Aggiungendo a questo numero le presenze dei cittadini di Mondaino e degli operatori si può stimare che nei quattro giorni di festa il piccolo borgo di Mondaino è stato invaso da oltre 20.000 persone, compresi tanti nuovi visitatori,  giovani e famiglie con bambini.

Sabato sera il pubblico ha potuto assistere allo straordinario raduno dei protagonisti del Palio. L’emozione trapelava dagli sguardi di tutti: il cuore pulsante della festa era in piazza a festeggiare questi meravigliosi trent’anni insieme. Ma l’emozione non è finita qui ed è proseguita fino a ieri sera quando il paese ha accolto migliaia di visitatori pronti ad assistere alla famosa disfida fra le contrade.

I giocatori di Borgo, Castello, Contado e Montebello si sono sfidati nei giochi per conquistare il titolo e avere l’onore di issare sulla vetta della Rocca mondainese, accanto alla bandiera comunale, i colori della propria contrada.

La sfida si è aperta con la disfida dei baliestrieri  che ha proclamato vincitore del tiro con la Balestra Filippo Bertuccioli detto Lo straniero abbinato al Borgo. Il vincitore della sfida ha avuto il diritto di scelta sull’oca per la successiva corsa

La corsa de le oche è un concentrato di fortuna e destrezza che impegna un giocatore per contrada. Gli animali non sono addestrati e non conoscono il loro conduttore. Al momento del via le oche devono essere spinte lungo il percorso di via Roma per arrivare per prime al traguardo di Piazza Maggiore, i conduttori però possono usare solo la loro voce e il battito delle mani e in nessun modo toccare l’animale. Qui il Vincitore è stato Elia Tamburini della contrada Montebello.

La vittoria nella corsa delle oche dà alla contrada vincitrice il privilegio di scegliere per prima le postazioni di gioco per il vero e proprio Giuocho de lo Palio, che consiste in una sorta di gioco dei 4 cantoni: le squadre sono composte da 2 giocatori per contrada, 8 in tutto, che si dispongono sulle postazioni disegnate su Piazza Maggiore, una al centro del cerchio e sette sulla circonferenza. Al segnale i due componenti della squadra devono scambiarsi un testimone e contemporaneamente andare a occupare una delle postazioni. A ogni tornata una delle postazioni viene esclusa dal gioco e di conseguenza il giocatore che rimane senza postazione viene eliminato dal gioco e con lui anche la sua contrada. La gara è stata emozionante dall’inizio alla fine e ha decretato per la 12esima volta, eguagliando il Castello, la vittoria di Elia Tamburini e Enrico Sanchini per la contrada Montebello.

Il palio è finito ma gli spettacoli sono continuati per tutta la serata nelle vie e per le piazze con giullari, musici, giocolieri e falconieri fino al meraviglioso spettacolo della compagnia Oplas de le terre Umbre che è tornata al Palio de lo Daino dopo aver mostrato un grande spectaculo a oltre duecentomila homini in lo mundo.

E per finire in meraviglia gli oltre 4000 spettatori sono rimasti tutti con il naso all’insù per gustarsi il favoloso cielo mondainese incendiato dagli spumeggianti fuochi artifiziosi  che hanno chiuso in modo spettacolare questi intensi quattro giorni di festa.

LE FOTO DI AMATO BALLANTE:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>